mercoledì 30 gennaio 2019

Daniele Rustioni, direttore d'orchestra

Nato a Milano nel 1983.Daniele Rustioni ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “G.Verdi” di Milano dove si è diplomato in organo, composizione organistica, pianoforte, direzione d’orchestra. Si è perfezionato con Gilberto Serembe in direzione all’Accademia Superiore Musicale Pescarese, all’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Gianluigi Gelmetti (dove gli è stato conferito il prestigioso Diploma d'Onore) e alla Royal Academy of Music di Londra con Cohn Metters.
Ha frequentato masterclass con Sir Cohn Davis, Leif Segerstam, Gianandrea Noseda, Kurt Masur ed è stato uno dei pochi selezionati per seguire il seminario d'opera italiana tenuto da Riccardo Muti alla New Mediterranean Music Academy di Malta. 
Ha collaborato come maestro accompagnatore con l'Orchestra sinfonica G. Verdi, il Teatro alla Scala e l'Accademia del Teatro alla Scala a Milano, il Teatro dell'Opera di Roma, la Royal Academy of Music Vocal Faculty, National Opera Studio, Jette Parker Young Artist Programme e la Royal Opera House a Londra.
Con un emozionante debutto nella “Cavalleria rusticana” di Mascagni nell’allestimento di Liliana Cavani al Teatro Mikhailovskij di San Pietroburgo, Daniele Rustioni ha fatto a soli 24 anni il suo ingresso nella scena musicale internazionale. Acclamato dalla critica come una rivelazione, il giovane direttore è stato immediatamente nominato Principale Direttore Ospite del teatro.
Ha diretto numerose orchestra fra cui: UBS Verbier Festival Orchestra, Russian National Philharmonic Orchestra di Mosca, le Orchestre Filarmoniche di San Pietroburgo, Orchestra Regionale Toscana, Orchestra del Teatro Regio di Torino, Orchestra dell'Arena di Verona, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala, Orchestra del Festival Nazionale di Sofia a Siena, Orchestra Accademica del Festival Settimane Musicali di Stresa, Orchestra Sinfonica di San Remo, B1T20 Ensamble-Norway, Southbank Sinfonia Orchestra, Welsh National Opera Orchestra.
Nel 2007 ha debuttato con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino in un concerto dedicato a musiche di Mozart  e vi è tornato nel Luglio 2008 per il debutto operistico in Italia con La bohème di Puccini nell’ambito del Festival estivo del Castello di Racconigi.. 
Nel 2008 ha vinto il secondo premio al IX International Cadaques Conducting Competition, dove ha diretto in concerto l'Orchestra di Cadaques all'Auditorium di Barcellona. 
Dopo il suo debutto sotto invito di Yuri Temirkanov alla Sala Grande della Filarmonica di San Pietroburgo con il Requiem di Verdi, ha collaborato costantemente con la Filarmonica pietroburghese, dirigendo anche nel prestigioso International Arts Square Festival insieme a Mariss Jansons, Valery Gergiev, Mikhail Pletnev.
È molto attivo in campo operistico: dal 2008 è direttore ospite principale del Teatro Mikhailovsky di San Pietroburgo, dove ha diretto nuove produzioni di Pagliacci, Cavalleria Rusticana, L'elisir d'amore e recite di Rigoletto, La traviata, Tasca. Con i complessi artistici del Mikhailovsky è stato in tournée ai Teatri Bolshoi e Stanislavsky di Mosca ha diretto nuove produzioni di Elisir d’amore – presentata in tournée al Teatro Bolshoj di Mosca - e Pagliacci (per la regia di Liliana Cavani) e riprese di Rigoletto e La traviata oltre a concerti lirico-sinfonici e alla Messa di Requiem di Verdi, che ha diretto in seguito alla Sala Grande della Filarmonica di San Pietroburgo. .
Nel corso della stagione 2008/09 è stato assistente di Antonio Pappano alla Royal Opera House, Covent Garden nell’ambito del progetto “Jette Parker Young Artists Programme”.
È stato nominato Associate Conductor alla Royal Opera HouseCovent Garden di Londra fino al 2010. Ha diretto La bohème al Teatro Regio di Torino e numerosi gala operistici in prestigiose sale quali la Sala Grande della Filarmonica di San Pietroburgo, la Tchaikovsky Halt di Mosca, l'Opera Nordfjordeid in Norvegia, il Teatro alla Scala di Milano e la Royal Opera House-Covent Garden.
Nella stagione 2009/10 ha diretto Norma nella stagione ASLICO, debuttato alla Fenice di Venezia con Il barbiere di Siviglia e al Teatro Comunale di Bologna con L’elisir d’amore.
Nella stagione 2010/11 al Teatro alla Scala di Milano (L'occasione fa il ladro, Progetto Accademia, Bohème nel 2012 con la ripresa della storica regia di Franco Zeffirelli), al Teatro Comunale di Bologna (L'elisir d'amore), al Teatro La Fenice di Venezia (Il barbiere di Siviglia), al Covent Garden di Londra (Simon Boccanegra), all'Opera Nazionale di Lituania di Vilnius (Otello di Giuseppe Verdiin una nuova produzione di EdmuntasNekrosius), Messa di Requiem con la Filarmonica di Helsinki, alla Welsh National Opera con una nuova produzione di Così fan tutte.
Al Teatro alla Scala di Milano Bohème nel 2012 con la ripresa della storica regia di Franco Zeffirelli.


"Daniele Rustioni assume la direzione di Ulster Orchestra
Il 35enne italiano sostituisce Rafael Payare all'inizio della prossima stagione
L'Ulster Orchestra ha annunciato che Daniele Rustioni diventerà il suo nuovo Chief Conductor a settembre. Il giovane italiano, attualmente direttore principale dell'Orchestra della Toscana, vanta già un curriculum globale impressionante, comprendente sia gli ambiti sinfonici che quelli operistici. Nel mese di gennaio ha debuttato con la Indianapolis Symphony Orchestra e ha suonato in diversi dei teatri più prestigiosi del mondo, compresa la sua interpretazione - acclamata dalla critica -di Aida di Verdi al Metropolitan Opera nell'aprile 2017. 
"Ho sentito una connessione speciale con l'Ulster Orchestra da quando ho messo piede sul podio all'Ulster Hall come direttore ospite un paio di anni fa", ha detto Rustioni. "Sono lieto e profondamente grato di prendere la posizione di Chief Conductor con questa favolosa orchestra e non vedo l'ora di iniziare, condividere musica stimolante e collaborare con tutti i progetti eccitanti che stanno già prendendo forma. Sarà un'avventura elettrizzante per tutti noi. "
Mentre Rustioni ha solo una manciata di registrazioni, 
Gramophone ha valutato favorevolmente la sua registrazione per Deutsche Grammophon dei concerti di Paganini e Wolf-Ferrari con la violinista Francesca Dego, sua moglie."
articolo di Thomas Pinsker Gramophone lun 28 gennaio 2019 

Fotoservizio di "CONCERTODAUTUNNO" http://www.concertodautunno.it/130206-fraschini/130206-fraschini.htm

lunedì 28 gennaio 2019

Timothy Brock, direttore

Riconosciuto come uno dei massimi esperti al mondo nel campo della musica per film, Timothy Brock ha diretto importanti orchestre quali Royal Philarmonic Orchestra, Los Angeles Chamber Orchestra, Chicago Symphony, BBC, Symphony Orchestra della Radio Austriaca, Orchestra di S. Cecilia, tutte le principali orchestre di Francia, la Rotterdam Philarmonic, Tonhalle di Zurigo, Orchestra della Suisse Romande, Orchestra della Toscana, del Teatro Massimo di Palermo e del Comunale di Bologna; il prossimo anno tornerà per la terza volta alla Chicago Symphony, per la seconda volta al Barbican con la BBC Symphony Orchestra ed è ospite ogni anno alla Konzerthaus di Vienna.
Nel dicembre del 2011 ha debuttato alla Salle Pleyel di Parigi; nel corso della stagione 2011/12 si è esibito per due volte con la New York Philharmonic e nella prossima stagione dirigerà due nuove produzioni dei capolavori di Prokof’ev Alexander Nevskij e Ivan il Terribile a Parigi e Lione e debutterà a Singapore, Hong Kong e in Malesia.
Brock, nato ad Olympia nello stato di Washington nel 1963, è attivo come direttore e compositore, specializzato nel repertorio della prima metà del XX secolo e in rappresentazioni di film muti con accompagnamento musicale. Tra le sue composizioni si segnalano tre sinfonie, due opere e diversi concerti per strumento solista e orchestra, nonchè oltre 20 colonne sonore originali per film muti. Durante la sua carriera ha presentato oltre 30 prime esecuzioni per il Nord America di autori quali Shostakovich, Eisler, Schulhoff.
Brock ha scritto musiche per film di Buster Keaton (The General, One Week e Steamboat Bill Jr.), Ernst Lubitsch (Il ventaglio di Lady Windermere), Robert Wiene (Il Gabinetto del Dr. Caligari), F.W. Murnau (Faust, Aurora), per Fu Mattia Pascal, capolavoro della cinematografia europea degli anni Venti, e per Three Bad Man, l’ultimo western muto di John Ford e molti altri ancora; inoltre ha restaurato celebri colonne sonore quali Nuova Babilonia di Shostakovich e Cabiria di Pizzetti-Mazza.
Recentemente ha ricevuto commissioni per nuove partiture dalla Los Angeles Chamber Orchestra, dalla Konzerthaus di Vienna, dall’Orchestra di Lione, dalla 20th Century Fox, dal Teatro la Zarzuela di Madrid.
Nel 1999, la Fondazione Chaplin ha chiesto a Brock di restaurare la partitura originale per Tempi Moderni: da quel momento è iniziata una proficua collaborazione tra la famiglia Chaplin e la Cineteca Nazionale di Bologna che ha portato al restauro delle musiche originali di tutti i grandi capolavori di Charlie Chaplin, che Brock ha eseguito praticamente in tutto il mondo.

Auditorium della Fondazione Cariplo
Stagione Sinfonica laVerdi 2018-2019
Domenica 27 gennaio 2019, ore 16.00
Giornata della Memoria
WAGNER-BEETHOVEN-EISLER-SCHULHOFF
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Pianoforte Aaron Pilsan
Direttore Timothy Brock

Auditorium della Fondazione Cariplo
Largo Mahler - Milano
Stagione Sinfonica laVerdi 2017
Venerdì 17 novembre 2017 ore 20:30
Il capolavoro di Friedrich Murnau
NOSFERATU 
Orchestra Sinfonica di Milano
Giuseppe Verdi
 
Direttore Timothy Brock

Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Stagione Sinfonica 2014-2015
Domenica 23 Agosto 2015 (ore 18.00)
Il grande cinema in musica:
The Golden Age of Hollywood Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Direttore Timothy Brock

Auditorium di Milano Fondazione Cariplo
Stagione Sinfonica 2014-2015
Giovedì 20 Agosto 2015 (ore 20.30)
Il grande cinema in musica:
The Golden Age of Hollywood Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Direttore Timothy Brock

Aaron Pilsan, pianoforte

Straordinariamente dotato, Pilsan ha iniziato lo studio del pianoforte a 5 anni. Fra il 2007 ed il 2012 è stato allievo di Karl-Heinz Kaemmerling, prima al Mozarteum di Salisburgo e poi nell’Istituto speciale per musicalmente superdotati del Hochschule di Hannover. 
Oggi studia con Lars Vogt ad Hannover. 
Ha frequentato le master class di Andras Schiff e Alfred Brendel. Ha suonato nella serie dei Lunch-Concerts dei Berliner Philharmoniker, al Festival Menuhin di Gstaad, alla Schubertiade di Schwarzenberg, al Festival di Schwetzingen e a quello di Bregenz, al Klavier Festival Ruhr, alla Mozarfest di Wuerzburg e in molti altri Festival tedeschi. La rivista FONO FORUM lo ha scelto come migliore giovane musicista del 2011. 
Nel 2014 è stato nominato RISING STAR dal circuito ECHO, European Concert Hall Organization ed ha suonato nelle più importanti sale da concerto europee. 
Nel 2015 è stato sostenuto dalla Fondazione Orpheum e grazie alla Fondazione ha suonato con l’Orchestra della Tonhalle di Zurigo e Sir Neville Marriner. Dal 2014 è in contratto con NAIVE, il primo CD con le Variazioni dell’Eroica di Beethoven e la Wanderer di Schubert è stato pubblicato nel 2014 e ha ottenuto critiche eccellenti. 
Nel 2017 è stato pubblicato un secondo CD con musiche di Schumann e le 11 Humoresken di Widmann. 
Nella stagione 2016/17 ha suonato a Tokyo, Parigi, Monaco di Baviera, Innsbruck, Tolosa e di nuovo alla Schubertiade e con l’Orchestra di Berna, con la Robert Schumann Philharmonie, con la Sudwestdeutsche Philharmonie.

Auditorium della Fondazione Cariplo
Stagione Sinfonica laVerdi 2018-2019
Domenica 27 gennaio 2019, ore 16.00
Giornata della Memoria
WAGNER-BEETHOVEN-EISLER-SCHULHOFF
Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi
Pianoforte Aaron Pilsan
Direttore Timothy Brock

Diego Ceretta, direttore d'orchestra

Nato nel 1996, si diploma diciottenne col massimo dei voti dopo essere stato ammesso, nel  2005, all’età di otto anni, al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano nella classe di violino del M° Fulvio Luciani. Attualmente, accanto al perfezionamento in violino con il M° Francesco De Angelis, frequenta il 2° corso di Direzione d’Orchestra tenuto dal M° Gilberto Serembe presso la Milano Music Masterschool e il corso di primo triennio sempre in Direzione d’Orchestra con il M° Daniele Agiman presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Nel giugno 2014 ha partecipato come allievo effettivo al I Master di Perfezionamento per Direttori di Coro de La Fabbrica del Canto tenuto dal M° Alessandro Cadario. Svolge intensa attività orchestrale; nonostante la giovane età ha al suo attivo quasi duecento concerti tenuti con l’Orchestra de I Piccoli Pomeriggi Musicali, l’orchestra giovanile del Teatro Dal Verme di Milano, e con FuturOrchestra, l’Orchestra lombarda del Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili in Italia voluta e patrocinata in vita dal M° Claudio Abbado. In entrambe le orchestre ricopre il ruolo di spalla. 
È stata inoltre una delle spalle dell’Orchestra Nazionale del Sistema che si è esibita in Eurovisione il 15 dicembre 2013 per il Concerto di Natale del Senato e nel concerto per il 50° Anniversario del Policlinico Gemelli, il 7 luglio 2014 a Roma, sotto la direzione del M° Nicola Piovani. Nel dicembre 2014 ha fatto parte dell’Orchestra del Sistema Europeo suonando a Ginevra presso il Palazzo delle Nazioni Unite per Rehearsal of the Culture for Peace Concert at the Human Rights diretto da Pablo Mielgo con la partecipazione di Juan Diego Flores, concerto trasmesso in Eurovisione e del quale si è realizzato un DVD. È stato diretto da: Daniele Rustioni, Enrico Dindo, Maurizio Zanini, Alessandro Cadario, Pietro Mianiti, Ennio Morricone, Manuel Lopez Gomez, Nicola Piovani e ha lavorato con solisti del calibro di Gabriele Cassone, Bruno Canino, Jeffrey Swann, Massimo Zanetti, Mikhail Tatarnikov. 
Ha collaborato con l’Orchestra dell’Accademia della Scala, con la quale ha partecipato alla tournée ad Abu Dhabi nell’aprile 2015 e alla produzione de Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini nel luglio-agosto 2015. 
Nella foto il regista Manuel Renga con Diego Ceretta.
Nell’agosto 2015 ha fatto parte dell’orchestra Sinfónica Juvenil de Caracas e Orchestra El Sistema Europa per il progetto El Sistema, che si è esibita presso il Teatro alla Scala il 28 agosto 2015. Si è esibito in numerosi teatri prestigiosi, tra cui Teatro Dal Verme di Milano, Teatro alla Scala di Milano, Teatro degli Arcimboldi di Milano, Sala Verdi di Milano, Auditorium di Milano, Teatro Grande di Brescia, Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Sociale di Como, Teatro Quirino di Roma, Teatro Comunale di Treviso, Parco della Musica di Roma, Teatro  Coccia  di  Novara,  Sala  Bouvette  della  Gran  Guardia  di  Verona, Basilica di San Marco di Milano, Sagrato di Piazza Duomo a Milano, Padiglione dei Giardini della Biennale di Venezia.
Nel 2019 cura la trasposizione de "La serva padrona" di G.B.Pergolesi per l'Orchestra de I piccoli Pomeriggi Musicali di Milano.

Teatro Dal Verme  – Milano
I Pomeriggi Musicali
in collaborazione con Sconfinarte, Milano Teatro Scuola Paolo Grassi
Domenica 27 gennaio 2019 ore 11:00
Giovanni Battista Pergolesi
La serva padrona 
Soprano: Maria Eleonora Caminada
Basso: Franco Celio
Voci recitanti: Veronica Franzosi e Valerio Ameli
Orchestra I Piccoli Pomeriggi Musicali
Regia: Manuel Renga
Direttore: Daniele Parziani
Trascrizioni: Diego Ceretta

VALERIO AMELI, attore

Muove i suoi primi passi da professionista all'età di 18 anni con la Compagnia dei folli, imparando l'arte della drammatizzazione su trampolo; con tale ompagnia continua a collaborare anche oggi, sia dal punto di vista attorale che registico. Nel biennio 2008/2010 si forma alla Scuola di Teatro di Bologna Alessandra Galante Garrone, incontrando personalità come Claudia Busi, Pièrre Byland, Walter Pagliaro, Vittorio Franceschi. Continua i suoi studi ricercando approcci sempre diversi all'arte della recitazione spaziando dai magisteri di Leo Muscato, Danio Manfredini, Peter Stein a Ricci Forte, Teresa Ludovico, fino a sperimentare il teatro fisico con Maria Carpaneto ed Elisabetta di Terlizzi. Eleggendo Milano come città di partenza per la sua carriera, in città Valerio Ameli collabora con varie realtà del territorio, come il Teatro dei Navigli, la compagnia Chronos3, e la realtà Il Filo di Paglia. Valerio spazia anche in altri ambiti attoriali come quello del musical, ricopre il ruolo di Otto nell'allestimento curato dalla Warner Bros Scoobydoo e il mistero della piramide, o il teatro danza, con Il Filo di Paglia nella produzione Buco live. Inizia a muovere anche i primi passi in televisione partecipando a sit-com quali Bye bye Cinderella e I Capatosta.

VERONICA FRANZOSI, voce recitante

Nasce e cresce a Milano, durante le scuole medie inizia a studiare teatro. Frequenta la scuola Quelli di Grock, si laurea in Scienze dei Beni Culturali e poi arriva la grande occasione della Paolo Grassi di Milano. Studia per tre anni con grandi maestri e debutta al Piccolo Teatro di Milano con Il cane la notte e il coltello" di Marius Von Mayenburg. Dopo il diploma lavora in teatro (con Stefano DeLuca, Corrado Accordino, Maurizio Panici, Massimo Navone e Dario Fo, e presso sale quali il Teatro Lirico di Cagliari, il Teatro di Gianni e Cosetta Colla, La Casa delle Storie), in tv (Alex and Co, Crozza nel Paese delle meraviglie, Camera Café) ed è testimonial di campagne pubblicitarie nazionali. Ha all'attivo una lunga collaborazione con la compagnia Chronos 3, di cui è socia dal 2017 in qualità di attrice e insegnante di teatro. Dal 2007 è educatrice al MUBA di Milano  e dalla stagione 2017/2018 partecipa ai cartelloni dei Piccoli Pomeriggi Musicali.

Franco Celio, basso

Franco Celio Cioli, nato in Uruguay, comincia nell’anno 2015 i suoi studi musicali nella Scuola Universitaria di Musica (UdelaR) sotto la guida di Ulrich Schrader e Cecilia Latorre. Continua i suoi studi vocali come baritono sotto la guida di Beatriz Pazos nel Conservatorio di Musica di Canelones e nella Scuola nazionale di Arte Lírico (S.O.D.R.E) in Uruguay. Partecipa attivamente alla masterclass tenuta da Claire Lefilliâtre (Luglio 2017- Luglio 2018 - Saluzzo, Italia), Sofía Mara, Maria de los Angeles Domenighini e Bettina Kühnne. Dal 2015 ha fatto parte stabilmente dell’Ensemble Vocal DeProfundis, sotto la guida della Maestra Cristina García Banegas. Nel 2015 interpreta il ruolo di Adonis in Venus & Adonis di John Blow con la Camerata del Plata. A luglio 2018 preso il Marchesato Opera Festival a Saluzzo, debutta nella parte di Schlendrian nella Cantata del Caffè - BWV-211 - di Johann Sebastian Bach presso la Accademia La Chimera. Collabora come basso solo nel concerto In Navitatem Domini Canticum di Marc-Antoine Charpentier e Was Gott tut, das ist wohlgetan di Johann Pachelbel con Progetto Musica diretto da Giulio Monaco. È membro del Coro Polifonico Ruggero Maghini diretto da Claudio Chiavazza. Nel 2018 continua suoi studi di canto lirico presso il Conservatorio di Musica Guido Cantelli di Novara sotto la guida di Roberto Balconi.

MARIA ELEONORA CAMINADA, soprano

Nata a Vizzolo Predabissi il 9 novembre 1993, si accosta alla musica classica fin dall’infanzia intraprendendo lo studio del pianoforte, presso l’Istituto Musicale Franchino Gaffurio di Lodi, e del canto, nel Piccolo Coro S. Maria del Carmine di Melegnano. Dal 2004 al 2011 collabora con il Coro Voci Bianche del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano e del Teatro alla Scala, con cui si esibisce in diverse opere e concerti presso il Teatro degli Arcimboldi e il Teatro alla Scala in parti sia corali che solistiche. Parallelamente all’ultimo anno di maturità scientifica inizia i suoi studi di canto lirico presso il Conservatorio Guido Cantelli di Novara, conseguendo il diploma triennale e dove, ad oggi, frequenta il biennio specialistico. A partire dal 2014 debutta i ruoli di Serpina ne La serva padrona a Milano, Amore in Orfeo ed Euridice di Gluck per la Fondazione Benetton di Treviso e di Bystroušky ne La piccola volpe astuta diretta da Simone Bernardini in occasione del Piedicavallo Festival. Partecipa inoltre a rassegne cameristiche internazionali, tra cui la rassegna internazionale San Giacomo Festival di Bologna, e ad allestimenti sacri in qualità di soprano solo (tra cui Messa da Requiem di Mozart, Messiah di Händel, La Passione secondo Giovanni di Bach). Nel 2016 collabora come soprano solo alla realizzazione del calendario dell'avvento musicale in piazza duomo Milano e partecipa con interventi solistici alla realizzazione di Porgy and Bess all'Auditorium Verdi di Milano, sotto la direzione del maestro John Axelrod; sempre presso L’auditorium Verdi partecipa anche allo spettacolo Il libro della giungla per la rassegna Crescendo in Musica. Finalista del Concorso Giacomotti e vincitrice della sezione Gitanilla del Concorso Coop Music Award, non è estranea al musical: Lisel in Tutti insieme appassionatamente, Madre Teresa in Madre Teresa, la Monaca di Monza ne I promessi sposi e Asenat ne Il sogno di Giuseppe. Maria Eleonora Caminada è altresì prossima alla laurea in architettura.
http://www.concertodautunno.it/171217-pomeriggi-flauto/171217_pomeriggi-flauto.html
https://www.concertodautunno.it/190217-pomeriggi-nozze/190217_pomeriggi.html

Manuel Renga, regia

Nato nel 1984. Attore e regista, inizia nel 2007 il suo percorso artistico alla fucina teatrale di Fondazione Aida a Verona, dove studia e lavora come attore; nel successivo biennio studia e collabora con la compagnia Scena Sintetica a Brescia diplomandosi nel 2010; infine, nel 2013 si diploma al corso di regia della Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano.
Nel 2010 per IKO Italia cura la regia di cinque spettacoli della rassegna “Ricercando”, stagione di prosa del Vittoriale degli Italiani di Gardone Riviera.
Nel 2011 firma la regia dello spettacolo Come cani al guinzaglio.
Nel 2012 segue la regia di Ay Carmela di Josè Sanchis Sinisterra e Shakespeare without eyes (Franco Parenti, Libero MI).  
Nel 2012 segue la progettazione e la realizzazione del Festival di teatro di strada e arte contemporanea “Come a Montmartre” sul lago di Garda, dove debutta la performance Shakespeare without eyes in scena poi al teatro Franco Parenti di Milano.
Nell’aprile 2013 partecipa al concorso “Nuova finestra sulla drammaturgia tedesca”, promosso dalla Scuola Paolo Grassi, e viene selezionato come regista di "Il cane, la notte e il coltello" di Marius Von Mayenburg, in scena al Piccolo Teatro di Milano e al Festival Vie di Modena, organizzato da ERT, Teatro della Cooperativa. Nello stesso anno cura la regia di Tamburino, in scena a Isolacasateatro a Milano e al teatro Galletti di Domodossola.
Nel 2014 è regista di Portami in un posto carino  (Teatro Libero, ATIR, Teatro Portlan, Teatro Sociale di Valenza Po) e Assassine (Teatro Libero); nello stesso anno, riprende "Il cane, la notte e il coltello", che va in scena al Teatro della Cooperativa di Milano, a Reggio Emilia e a Brescia. Attualmente cura la regia dei concerti/spettacolo della stagione dei Piccoli Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme di Milano.
Sempre nel 2014 è selezionato da Residenza Idra/Teatro Inverso con "La mia massa muscolare magra" di Tobia Rossi per Wonderland Festival, 2014, (poi Tramedautore 2014 e Torino Fringe Festival e Teatro Libero, 2015).
Nella stagione 2014/2015 è assistente alla regia di Massimo Navone per il progetto Storia di Q di Dario Fo e Franca Rame, e di Tatiana Olear per Best Of, con Arianna Scommegna, entrambi gli spettacoli hanno debuttato al Festival Tramedautore 2014 al Piccolo Teatro di Milano.  
Dal 2008 è Direttore Artistico dell’Associazione culturale “La Corte dei Miracoli” di Toscolano Maderno, che si occupa della promozione sul territorio di attività culturali.
Nel 2011 fonda la Compagnia teatrale CHRONOS3 di Milano che organizza la stagione del Circuito Contemporaneo Bresciano e che, dal 2015, è membro del Circuito multidisciplinare della Lombardia CLAPS Spettacolo dal Vivo.
Dal 2013 collabora con la direzione artistica di Isolacasateatro a Milano; dal 2016 è co-direttore artistico insieme a Corrado Accordino del Teatro Libero di Milano.
Dal 2014 cura la regia dei concerti/spettacolo per la stagione de I Piccoli Pomeriggi Musicali al Teatro Dal Verme di Milano.
Nel 2016 cura la regia di "Call of duty fake version" con cui è in finale al Premio Lidia Petroni di Brescia e alla rassegna Innesti presso Tieffe Teatro Menotti di Milano. Segue diversi percorsi di didattica per la Scuola Teatri Possibili a Milano, per la scuola del Teatro Oscar a Milano e, dal 2017, è docente della Paolo Grassi di Milano.
Nel 2019 curerà a regia de "L'elisir d'amore" di G.Donizetti per il circuito OperaDomani di As.Li.Co per un numero di ben 212 recite previste.

Piccoli Pomeriggi Musicali TI RACCONTO UNA FIABA
https://www.concertodautunno.it/190217-pomeriggi-nozze/190217_pomeriggi.html
http://www.concertodautunno.it/171217-pomeriggi-flauto/171217_pomeriggi-flauto.html


Daniele Parziani, direttore d'orchestra

E', dalla fondazione, il Direttore Musicale dell'Accademia dei Piccoli Pomeriggi Musicali. Ha studiato direzione d'orchestra presso l'Accademia Swarowsky di Milano e attualmente frequenta il Master in direzione presso l'Universita' di Newcastle, in Inghilterra, dove ha diretto la Newcastle University Symphony Orchestra. Ha studiato violino al Conservatorio G. Verdi di Milano con Daniele Gay e Fulvio Luciani, diplomandosi con il massimo dei voti. Si è perfezionato inoltre con il Trio di Trieste alla Scuola Internazionale di Duino e all'Accademia Chigiana di Siena, con Dora Schwarzberg all'Accademia Romanini di Brescia, con Nicklas Schmidt alla Musikhochschule di Amburgo e con Dominika Falger alla Musikschule di Vienna, dove ha conseguito un altro Diploma con il massimo dei voti e la Menzione Speciale. Ha suonato come solista e in diverse formazioni cameristiche per la Società dei Concerti di Milano, gli Amici del Loggione del Teatro alla Scala, Rai Radio Tre, Ravello Festival, la Guildhall School of Music di Londra, lo Schlöss Albeck in Austria, la Musik Saal di Düsseldorf, lo Stadt Casino di Basilea, il Palazzo dei Congressi di Madrid, il Palau della Musica Catalana di Barcellona e in diverse altre sale e teatri in Italia e all'estero. È risultato vincitore di diverse Rassegne e Concorsi (fra cui Vittorio Veneto e Postacchini) nonche' di una borsa di studio offerta dall'Universita' di Boulder, Colorado-USA. Musicista eclettico, Daniele Parziani ha suonato con il gruppo Tangoseis e con Musicamorfosi. Ha collaborato con il bandoneonista Gilberto Pereyra, con Danilo Rossi, Mario Brunello e con la cantante favorita di Astor Piazzolla: Milva. E' membro cofondatore del Trio NefEsh, formazione con cui svolge un'intensa attivita' concertistica ed un lavoro di ricerca musicale che spazia dal Klezmer al Tango, dalle musiche balcaniche a quelle mediorientali, a cavallo fra classico, jazz fusion e popolare. Il Trio collabora con l'Ensemble Femminile di artiste del Coro del Teatro alla Scala di Milano ed è stato protagonista di diversi tour in Israele, dove si è esibito al Festival Internazionale di Musica Klezmer di Zfat. È attualmente dottorando presso il Royal Northern College of Music di Manchester, dove svolge una ricerca specialistica sulla direzione delle orchestre giovanili. 
http://www.concertodautunno.it/171217-pomeriggi-flauto/171217_pomeriggi-flauto.html
https://www.concertodautunno.it/190217-pomeriggi-nozze/190217_pomeriggi.html

giovedì 24 gennaio 2019

Gábor Takács-Nagy, direttore d'orchestra

Gabor Takacs-Nagy è nato a Budapest, dove ha iniziato a studiare violino all’età di 8 anni. Ancora studente dell’Accademia Franz Liszt, riceve nel 1979 il primo premio al Concorso Jeno Hubay. Successivamente studia con Nathan Milstein. Per la musica da camera ha avuto come insegnanti Ferenc Rados, Andras Mihaly e György Kurtag.
Dal 1975 al 1992 è primo violino e fondatore del celebre Quartetto Takacs, che in brevissimo tempo riceve il primo premio nei principali concorsi internazionali per quartetto d’archi : Evian nel 1977 e Londra nel 1979. Il Quartetto ha collaborato con artisti quali Sir Georg Solti, Lord Menuhin, Isaac Stern, Mistislav Rostropovich, Andras Schiff, James Galway, Paul Tortelier, Mihail Pletnev, Gidon Kremer, Joshua Bel e Miklos Perényi. Molte sono le registrazioni discografiche relizzate dal quartetto per la Decca e la Hungaroton. Nel 1982 l’artista riceve il Premio Liszt e, nel 1996, fonda il Takacs Piano Trio con il quale realizza in prima esecuzione le registrazioni di lavori dei compositori ungheresi Franz Liszt e Laszlo Lajtha e l’opera completa per violino di Sandor Veress. Dal 1997 Gábor Takács-Nagy è professore di quartetto al Conservatorio di Ginevra e tiene masterclass  in prestigiose  accademie internazionali. 
Nel 1999 dà vita al quartetto Mikrokosmos con i compatrioti Miklos Pereny, Zoltan Tuska e Sandor Papp e nel 2009 la loro registrazione dei quartetti di Bartok si aggiudica il premio «Pizzicato-Excellentia».  Interprete fra i più autentici della musica ungherese, e in modo particolare delle opere di Bartok, Gábor Takács a partire dal 2001 dedica sempre più energie e spazio alla direzione d’orchestra. È ospite di importanti orchestre europee e non solo : Irish Chamber Orchestra, Verbier Festival Chamber Orchestra, Budapest Festival Orchestra, Camerata Freiburg, Tapiola Sinfonietta, Toho Gakuen Orchestra.
Nel 2005 costituisce la propria orchestra d’archi, la Camerata Bellerive a Ginevra. Dal 2007 è direttore musicale del Verbier Festival Chamber Orchestra, per il quale collabora con solisti quali Martha Argerich, Joshua Bell, Jean-Yves Thibaudet, Emmanuel Ax, Frederica von Stade e Angelica Kirschschlager, per ricordarne alcuni.
Da settembre 2010 l’interprete ricopre gli incarichi di direttore dell’Orchestra Sinfonica MAV di Budapest e della Camerata Manchester.

mercoledì 23 gennaio 2019

Quirine Viersen, violoncello


La violoncellista olandese Quirine Viersen è nata nel 1972 e fa parte delle personalità di spicco della nuova generazione musicale internazionale. Con la sua forza e il suo modo di suonare così intenso e virtuoso si è fatta amare e stimare da un pubblico sempre più numeroso oltre ad essere apprezzata dalla stampa e dai colleghi musicisti. Le sue esibizioni sia in concerto che in recital e la sua partecipazione a diversi festival hanno dimostrato la sua ampia penetrazione nella lettura della musica classica. Quirine ha già vinto vari premi in concorsi nazionali ed internazionali, come il Rostropovich Competition di Parigi nel 1990 e l’ International Cello Competition di Helsinki nel 1991. Nel 1994 è stata la prima musicista olandese a vincere un premio al Tchaikovsky Competition di Mosca. Nello stesso anno è stata premiata al Music Award olandese. Il premio più importante che le è stato riconosciuto fino ad ora è stato il Young Artist Award del 2000 consegnatole dal ‘Gruppo Credit Suisse’. Grazie a questo premio Quirine ha suonato con la Vienna Philharmonic Orchestra diretta da Zubin Mehta in occasione del Festiva di Lucerna del 2000.
Ha ricevuto i primi insegnamenti di violoncello dal padre, Yke Viersen, violoncellista della Royal Concertgebouw Oechestra. Successivamente ha studiato al conservatorio con Jean Decroos e Dimitri Ferschtman e ha completato i suoi studi nel 1997 al Mozarteum di Salisburgo sotto la guida di Heinrich Schiff.
Quirine si è esibita con le maggiori orchestre di tutto il mondo e con importanti direttori, citiamo: Combattimento Consort di Amsterdam, Hessische Radio Orchestra e Hugh Wolff, Israel Philharmonic Orchestra e Georges Pehlivanian, Malmo Symphony Orchestra e Lawrence Renes, Orquesta Sinfonica do Estado de Sao Paolo, Royal Concertgebouw Oechestra e Herbert Blomstedt, Ingo Metzmacher, Bernard Haitink, Royal Flemish Orchestra, Sinfonietta Cracovia e Kaspar Zhender (ha eseguito il doppio concerto di Brahms con Patricia Kopatchinskaja), St. Petersburg Philharmonic Orchestra e Valery Gergiev, Tokyo Metropolitan Symphony Orchestra e Jean Fournet, Ulster Orchestra, Vienna Chamber Orchestra e Heinrich Schiff, Vienna Philharmonic Orchestra e Zubin Mehta.
È inoltre regolarmente invitata a numerosi festival di musica da camera: Delft Chamber Music Festival, Stavanger Festival, Mondsee Tage, Festwochen di Lucerna, Festspiele di Salisburgo, Festival di Risör in Norvegia e molti altri.
Nel marzo 2007 ha preso parte ad una tournée in quartetto per pianoforte con Silke Avenhaus, Benjamin Schmid ed Hanna Weinmeister. Nella stessa stagione è stata invitata da Leonidas Kavakos a suonare in sestetto per il Concertgebouw di Amsterdam.
Dal 1996 collabora in duo con la pianista Silke Avenhaus, con la quale si è affermata sulla scena concertistica internazionale ed ha pubblicato cinque registrazioni, contenenti musiche di diversi autori.
Quirine Viersen ha anche partecipato a registrazioni con orchestre, tra cui il Concerto per Violoncello di Reinhold Gliere con la Royal Flemish Orchestra/Marc Soustrot ed i Concerti per Violoncello di Haydn con il Combattimento Consort di Amsterdam.
Si è esibita con orchestre quali la Netherlands Philharmonic Orchestra, la Arhus Symphony Orchestra, l’Orchestra dell’Ulster, la National Orchester Mannheim, I Pomeriggi Musicali e l’Orchestra Sinfonica dell’Oregon. Nel campo della musica cameristica, ha tenuto un tour in trio con Antje Weithaas e Silke Avenhaus e, di nuovo in sestetto, con Leonidas Kavakos ed Hanna Weinmeister, ospite di Festival in Svizzera e Grecia.
Tra i più recenti impegni di Quirine Viersen c’è il Cello Concerto di Barber con il Niederrheinische Sinfoniker diretto da Diego Martin-Etxebarria. Per la Cello Biennale Internazionale di Amsterdam nel 2018, ha rivisitato il Concerto per violoncello di Korngold, oltre a suonare in prima mondiale Glacier, un pezzo solista che JacobTV ha scritto per lei. Il 2019 vede la collaborazione con l'Arnhem Philharmonic Orchestra / Lucas Macias Navarro e la Netherlands Chamber Orchestra per l'arrangiamento per violoncello del Concerto per flauto di Mozart. E con l’Orchestra Verdi per il Concerto per violoncello e orchestra di Elgar.
Nel 2011, Quirine aveva registrato per la prima volta Bach Suites for Cello. The Strad ha scritto: "Le sue interpretazioni sono caratterizzate da equilibrio, immaginazione e un piacevole senso di fantasia." Nuove prospettive hanno portato a una seconda registrazione, che verrà pubblicata nel 2019. Dopo aver lavorato e registrato a lungo con Silke Avenhaus per quasi vent'anni, Quirine ha cercato nuove collaborazioni in duo. I recital con il pianista Enrico Pace hanno ottenuto grande successo al Concertgebouw di Amsterdam nel 2017.
Quirine Viersen suona un raro violoncello di Giuseppe Guarneri filius Andreae del 1715, precedentemente suonato da André Navarra. Lo strumento è stato gentilmente fornito dal Fondo nazionale di strumenti olandese, con l'aiuto di Heinrich Schiff, che ha voluto arricchire il violoncello regalando uno dei suoi archi. 

Fabio Vacchi, compositore

I suoi lavori sono stati commissionati o diretti, tra gli altri, da Claudio Abbado, Roberto Abbado, John Axelrod, Luciano Berio, Carlo Boccadoro, Riccardo Chailly, Myung Wun Chung, Ivan Fischer, Claire Gibault, Daniel Harding, Neville Marriner, Zubin Metha, Riccardo Muti, Antonio Pappano, Giuseppe Sinopoli.
Ha collaborato con registi, attori, artisti e scrittori come Daniele Abbado, Gae Aulenti, Gianrico Carofiglio, Giorgio Barberio Corsetti, Patrice Chereau, Tonino Guerra, Yashar Kemal, Dacia Maraini, Franco Marcoaldi, Sandro Lombardi, Aldo Nove, Ermanno Olmi, Moni Ovadia, Amos Oz, Giulio Paolini, Arnaldo Pomodoro, Giuseppe Pontiggia, Roberto Roversi,Toni Servillo, Federico Tiezzi, Michele Serra.
Alcune tra le opere per il teatro musicale: Girotondo, da Schnitzler (1982 Maggio Fiorentino),  Il Viaggio, (1990, Comunale di Bologna),  La Station thermale, (1993-95, Opéra de Lyon)),  Les oiseaux de passage (1998, Opéra de Lyon;  2001), Il letto della storia, (2003, Maggio Fiorentino), La madre del mostro (2007, Siena), Teneke (2007, Teatro alla Scala), Lo stesso mare (2011, Teatro Petruzzelli di Bari).
Fra le opere strumentali: Briefe Büchners (1997 commissione di C. Abbado  per Berliner Festwochen); Dai calanchi di Sabbiuno (1997 commissione di C. Abbado, Salzbourg); Diario dello sdegno (2002, commissione di R. Muti); Tre Veglie (2000 Festival di Salisburgo); Terra comune (2002, dir. Myung-Whun Chung, commissione di Berio per l’inaugurazione del Nuovo Auditorium di Roma); La giusta armonia (2006, dir. R. Muti, Festival di Salisburgo); Mi chiamo Roberta (2006, testo di A.Nove); Voci di notte (2006 dir. Zubin Metha, Firenze); Mare che fiumi accoglie (2007, dir. A. Pappano, S. Cecilia); Prospero o dell’Armonia (Melologo sinfonico, 2009, dir. R. Chailly, Filarmonica della Scala); Tagebuch der Empörung (2011, dir. R. Chailly, Lipsia, Gewandhaus Orchestra); Der Walddämon, 2015, dir. R. Chailly, Lipsia, Gewandhaus Orchestra); D’ un tratto nel folto del bosco, melologo, testo di Amos Oz (2010, Moni Ovadia, Milano,  Festival MITO); Notte italiana (2011, dir. David Atherton, London Sinfonietta); Il piacere di leggere, testo di  D. Maraini (2012, L’Aquila, Lella Costa, dir. C. Gibault); Soudain dans la forêt profonde, melologo, testo di Amos Oz (2013-14, Parigi, Comédie française, Salle Pleyel, cd a cura del Ministère de l'Éducation Nationale, destinato anche alle scuole di Francia), Veronica Franco (2014, testo di Paola Ponti, attrice Giovanna Bozzolo), Il bordo vertiginoso delle cose  (2014, testo e voce recitante di Gianrico Carofiglio, dir. Axelrod). 
Nel 2014 il Festival Mito gli ha dedicato, primo italiano, una monografia in tre concerti. La nuova opera Lo specchio magico su testo di Aldo Nove verrà allestita al Maggio Musicale Fiorentino nel maggio 2016. E’ composer in residence al Teatro Petruzzelli di Bari e a laVerdi di Milano.  Koussevitzky Prize in Composition (Tanglewood, USA, 1974); Primo premio al Concorso Gaudeamus (Olanda,1976); David di Donatello per il miglior musicista con la colonna sonora del film Il mestiere delle armi di Ermanno Olmi (Roma, 2002);  Annual Lully Award 2002 per il miglior nuovo brano dell'anno eseguito negli Stati Uniti con il Quartetto n° 3, Premio Abbiati dell'Associazione Nazionale Critici Musicali per la migliore novità dell'anno (2003), Rdc Awards per la colonna sonora del film Gabrielle di Patrice Chéreau (2005), Nomination al David di Donatello per il miglior musicista con la colonna sonora del film Centochiodi di Ermanno Olmi (Roma, 2007). E’ membro onorario dell’Accademia Filarmonica Bolognese.
Attività: Nel 2014 MiTo Festival gli dedica, primo italiano, una monografia. Nel 2015 dirige l’ Opéra en creation Atelier al Festival di Aix-en-Provence, dove, nel 2014 e 2015 gli eseguono brani. Tiene un corso di perfezionamento alla Scuola di Musica di Fiesole. Membro Accademia Filarmonica Bolognese, membro Accademia Nazionale di Santa Cecilia. E’ composer in residence a Milano e a Bari.

giovedì 17 gennaio 2019

Andrea Attucci, pianoforte, direttore d'orchestra, compositore

Andrea Attucci, si laurea brillantemente, a pieni voti al Conservatorio di Vicenza come privatista sotto la guida del M° Andrea Rucli. Si é perfezionato con il M° Kostantin Bogino ottenendo il diploma di merito partecipando ai corsi dell'Accademia di alto perfezionamento di Chioggia. 
Ha partecipato a diverse master class tenute dai maestri Lonquich, Skoda, Bogino, Ogarkov, etc. Ha eseguito il 3° ed il 5° concerto per pianoforte ed orchestra di L. v. Beethoven, il primo di Tschaikowsky, il 1° e il 2° di F. Chopin, il 2° di Rachmaninoff in do min e la Rapsodia op. 43, quello di Schuman in la minore.
Ha studiato direzione d'orchestra all'Accademia Filarmonica di Bologna.Inoltre ha studiato con i Maestri Claudio Abbado, Georges Pretre e altri…..Ha lavorato attivamente come pianista accompagnatore con il mezzosoprano Bianca Maria Casoni, il M° Carlo Gaifa, il baritono Gianni Maffeo, il soprano Rita Saponaro Patanè, ha collaborato con la signora Sig.ra Magda Olivero sia in master che in lezioni private e il soprano Katia Ricciarelli. E' stato chiamato numerose volte in qualita' di pianista accompagnatore al Festival Citta' di Cividale del Friuli. 
In occasione del Giubileo del 2000 ha eseguito la "Petite Masse Solennelle" di G. Rossini trasmessa in diretta dalla Radio Vaticana. E' stato assistente direttore di coro al Teatro di Salonicco (Grecia) per varie produzioni di titoli italiani, con anche la funzione di korrepetitor (Maestro sostituto).
Collabora attivamente con artisti di importanti Enti come il Teatro alla Scala, orchestra di San Remo, orchestra della Fondazione Toscanini, orchestra di Bolzano, Seoul National Symphony Orchestra Festival di Torre del Lago, Arena di Verona, ecc. Svolge attivita' concertistica sia in Italia che all'estero (Europa, USA,Sud America ed Asia). 
E' assistente del direttore d'orchestra Piergiorgio Morandi, con il quale partecipa alla produzione di varie opere di G. Verdi, di G. Puccini, Leoncavallo, Mascagni, Boito, in importanti enti lirici come lo Sferisterio di Macerata (Cavalleria Rusticana e Pagliacci), la Monnaie di Bruxelles (I Masnadieri), l'Arena di Verona (Il Trovatore, Tosca), l'Oper Frankfurt (Mefistofele e La Traviata), Teatro dell'Opera di Goteborg (Rigoletto), San Carlo di Napoli (I Lombardi), ecc. 
Collabora con vari cantanti di fama internazionale come Daniela Dessi', Francesca Patané, Renata Scotto, Luis Lima, Dimitra Theodossiou, Hong Sung-Hoon, Kiu Sung Park, Giovanna Casolla, Nicola Martinucci, ecc. e con registi come Pier Luigi Pizzi, Denis Krief, Ivan Stefanutti, Henning Brokhaus, Franco Zeffirelli ecc. 
Ha tenuto Master Class in Argentina  in Korea in Germania e in Francia.                                                                                                                                                          
Tra i suoi allievi risultano i vincitori dei piu' importanti concorsi internazionali di canto, quali il Premio Caruso, il Premio Di Stefano, Il Premio Callas, che hanno poi debutatto in importanti Teatri Italiani e Stranieri.
Viene chiamato come presidente di giuria per concorsi a livello internazionale V. Bellini (Catania)  Voci Verdiane (Pechino) e molti altri.                                                                                                                                                            
Ha inciso diversi CD, molti sue esecuzioni sono trasmesse regolarmente all’estero, sia in radio via online, sia in televisione. Ha inciso i 24 preludi op. 28 di F. Chopin a Berna su pianoforte Schmidt-Flohr.    
Fa parte del trio "Fragranza Argentina" con il soprano Analia Gomez e il violoncellista Antonio Visioli e Jorge Bosso.
E’ duo stabile con la pianista Viviana Lazzarin con la quale esegue brani di Rackmaninoff, Poulenc, Mozart (in formazione due pianoforti)                                                                                                                                                   
Nel 2007 é stato in Korea per dirigere concerti lirici e sinfonici al Seoul Arts Center e al Yong Arts Center, ha diretto gli "Archi della Scala", inoltre terra' concerti in Korea, Argentina, Cina, Venezuela.
Suona con diverse formazioni cameristiche eseguendo e promuovendo pagine di autori contemporanei in prime mondiali.
Nel gennaio del 2008 ha vinto il concorso per il conferimento di Segretario Artistico del Teatro Sociale di Rovigo, (vice direttore artistico) ciò' gli ha permesso di attuare a 360 gradi, le attività  legate al teatro, e di patercipare alla costruzione del primo progetto Li. Ve. (La Traviata) sia come referente artistico per il Teatro di Rovigo, sia come direttore musicale e assistente del M° Tiziano Severini. 
Inoltre sempre in qualità  di direttore musicale, assistente direttore d'orchestra, nonché assistente di produzione per le opere della stagione 2008/2009 ha sostenuto, la circuitazione sia a Rovigo che nei teatri partners,(Teatro Comunale di Bolzano, Centro servizi Santa Chiara di Trento, Teatro dell'Opera Giocosa di Savona, Teatro Comunale di Vicenza, Fondazione Teatro Goldoni di Livorno, Teatro Sociale di Mantova, Teatro Verdi di Pisa, Teatro il Giglio, di Lucca, Teatro dell'Opera di Roma, Fondazione Ravenna Manifestazioni, Opera di Belgrado, Teatro Comunale di Padova Bassano Opera Festival, Teatro Grande di Brescia, delle opere stesse ( Nozze di Figaro, Aida, La Traviata, Turandot, Le Villi, Amica, Eugenio Onegin, Rigoletto, Messa da Requiem di G. Verdi). 
A giugno del 2009 é stato chiamato come direttore musicale per la stagione estiva all'Arena d'Annunzio di Pescara, nella quale sono state eseguite "La Traviata" e la "Butterfly".
E ha diretto il 3° concerto di Rachmaninoff e la quinta sinfonia di Beethoven. 
Tiene seminari di musica lirica e classica in generale sia in Italia che all’Estero, Argentina (Università IUNA) , Korea, Canada, Cina. E presso diverse Accademie in Italia.
Nel 2013 ha tenuto concerti e seminari musicali in Canada (Toronto) all’Università Un-Cuyo di Mendoza(Argentina) Cina (Pechino). Inoltre dirigerà varie Opere liriche come Turandot, Butterfly.
E’ stato pubblicato il libro, contenente un’intervista dedicata interamente al Maestro ed ad altri personaggi, intitolato “Sognatori di professione” scritto dalla dottoressa Remigia Spagnolo, edito da Giappichelli Editore www.giappichelli.it nella sezione Novità, in cartaceo o in ebook.                                                                   Si è esibito in qualità di pianista in Argentina, USA, Germania, Svezia ecc. ha diretto gli archi della Scala, e numerose altre orchestre, sempre come pianista si è esibito con le orchestre di Starazagova, Salonicco ecc.
Ha diretto diverse opere liriche di autori come G.B. Pergolesi, G. Bizet, G. Verdi, G. Puccini, Mascagni, Giordano, Leoncavallo, Boito, e brani sinfonici di Mozart, Beethoven e autori vari. 
In campo sinfonico ha un vastissimo repertorio.E’ promotore e fondatore di vari ensemble, orchestre giovanili e cori sia amatoriali che professionisti. E’ talent scout, si occupa di promuovere gli artisti emergenti attraverso vari mezzi di promozione e comunicazione.
A giugno del 2009 é stato chiamato come direttore musicale per la stagione estiva all'Arena d'Annunzio di Pescara, nella quale sono state eseguite "La Traviata" e la "Butterfly". E ha diretto il 3° concerto di Rachmaninoff e la quinta sinfonia di Beethoven.
Ha dato vita al "Parkinsubria Choir".
Cultore instancabile di ogni genere musicale, con il Trio Fragancia argentina, si é dedicato profondamente allo studio di autori sudamericani come Carlos Guastavino, Alberto Ginastera, Astor Piazzolla, José Bragato incidendo alcuni CD per la Limen Music.
Svolge anche l'attività di preparatore musicale per tutti gli ambiti del Teatro 
-In ambito musicale , con l’appoggio del prof. Urbano Stenta (non vedente) messa in scena e promozioni di vari spettacoli effettuati da disabili, tra i quali “My Dream” progetto Italia – Cina (vedi youtube) interamente composto da, non udenti, non vedenti, e altri handicap ( spettacolo rivisto e promosso per le paraolimpiadi di Pechino).
Promotore del gemellaggio – Interscabio culturale tra Italia (Veneto - Polesine)  e Argentina, sancito alla Rotonda di Rovigo in occasione del concerto natalizio 2011, patrocinato dal Comune di Rovigo in collaborazione con: 
www.accademiavenetadellospettacolo.it Direttore Artistico Sig. Diego Rizzieri.
www.reporteram650.com.ar Sig.ra Claudia Rossi  (Radio Argentina – Italia)
www.torontoschoolofmusic.com  Direttrice Sig.ra Mary Liu 
referente per il  (Canada – Cina) ed esponente promotore del Concorso lirico “Bellini” tra Cina e Italia (Città di Catania)
www.3wbc.org.au Sig.ra Gaetana Nicoletti.3WBC 94.1FM Whitehorse Boroondara Community Radio Melbourne (Radio Australia - Italia) 
Il suo repertorio è molto vasto sia lirico che sinfonico da Autori come Galuppi, Pergolesi a Mozart Verdi, Puccini, Wagner,Bach,  Beethoven, Piazzolla, Ginastera, Debussy, Stravinskij, Strauss, Bartòk, Satie, Poulenc, Pizzetti, Richard Addinsell e autori contemporanei ecc.

Direttore Artistico dell'Accademia Musicale ArtArea2puntozero
L'Accademia ArtArea2puntozero, offre l'opportunità di esibirsi in vari settori:
trasmissioni televisive, radiofoniche, concerti pubblici.
I candidati prescelti potranno essere selezionati per incisioni discografiche, avranno la possibilità di  suonare con strumenti originali e  gruppi specializzati , saranno seguiti da Maestri competenti nell’ambito della musica classica per accrescere la propria preparazione artistica a livello internazionale.
Accademia ArtArea2puntozero  via delle Acacie n°4 Legnano (Mi) - 20025

REPERTORIO PIANISTICO con ORCHESTRA  (pianista solista)
BEETHOVEN:  concerti per piano ed orchestra N° 3 op. 37 – N° 5 op.73 (Imperatore)
SCHUMAN : concerto per piano ed orchestra in la minore op.54
CHOPIN: concerto per piano ed orchestra in mi minore op. 11
CHOPIN: concerto per piano ed orchestra in fa minore op. 21  
TSCHAIKOWSKY: concerto per piano ed orchestra in si bemolle minore op. 23 
RACHMANINOFF: concerto per piano ed orchestra n° 2 in do minore op. 18
RACHMANINOFF: Rapsodia op. 43
R. ADDINSELL: Concerto di Varsavia per piano ed orchestra.
BRAHMS: Concerto per pianoforte ed orchestra n° 1 in re minore  
REPERTORIO : LIRICO – SINFONICO  (Direttore d’orchestra)
TUTTE le opere liriche e musica sacra sacra  di MOZART -  G. VERDI – BELLINI - DONIZETTI  - ROSSINI – GIORDANO – LEONCAVALLO – CILEA – MASCAGNI -  BIZET – BOITO  
MOZART (tutti i brani per ensemble – orchestra piena – e concerti per solista ed orchestra) – BEETHOVEN(Nove sinfonie) – BRAHMS (Rapsodia con coro maschile ed orchestra) – TSCHAIKOWSKY (Suite dai tre balletti)

Incide per la casa discografica Kicco Music di Giovanna Nocetti, nel 2013 ha realizzato un CD con musiche di Tchaicovsky e di Rachmaninov e nel 2014 un secondo CD con musiche di Chopin e sempre nel 2014, in veste di direttore d'orchestra un terzo CD con musiche di Antonio Vivaldi con l'Ensemble Archi di Milano (già Archi del Teatro alla Scala), nel 2015 brani tratti dal repertorio latinoamericano con il trio Fragrancia Argentina.
Ha in progetto l'incisione sempre con l'Ensemble Archi di Milano (già Archi del Teatro alla Scala) e il Maestro Giuseppe Laffranchini in qualità di violoncello solista, le Pièces en Concert di François Couperin.

Fan Page on facebook:
Andrea Attucci Pianist and Conductor
Andrea Attucci Pianist 
Visualizza altro
Sito Web 

martedì 15 gennaio 2019

Teet Kask, coreografo

Teet Kask nella foto di Concertodautunno
Teet Kask è nato in Estonia, è un danzatore, coreografo, regista e docente. Ha studiato danza classica alla Scuola di Ballo del Balletto Nazionale di Estonia a Tallinn, nel 2005 ha conseguito un Master of Arts (laurea magistrale) in Coreografia presso il Conservatorio di Musica e Danza Trinity Laban della City University di Londra. Come danzatore ha lavorato in un ampio repertorio dal classico e neoclassico, al contemporaneo e al mimo per l’opera con le compagnie del Balletto Nazionale di Estonia, del Balletto Reale di Svezia a Stoccolma e del Balletto Nazionale di Norvegia a Oslo, presso i quali ha dato prova della sua abilità creativa, coreografica e registica. Nel 1999 vince il premio della critica Ballet International/Tanz Aktuell International con il titolo di «ballerino eccezionale». Svolge la sua attività creativa e produttiva come libero professionista  in  l’Europa, ed in particolare presso l’Accademia Nazionale delle Arti di Oslo in Norvegia.

Ekaterina Oleynik, danza, etoile

Ekaterina Oleynik. Formatasi all’Accademia del Teatro di Minsk di cui è oggi principal e dove interpreta i primi ruoli di tutti i titoli del grande repertorio nonché vincitrice di prestigiosi premi internazionali, tra cui Varna accanto ad un giovanissimo Ivan Vasiliev, Ekaterina Oleynik ha già avuto modo di farsi apprezzare anche in Italia, étoile guest al Teatro San Carlo di Napoli per Giselle e Lo Schiaccianoci. A Milano il 15 gennaio 2015, con il Balletto di Milano sarà Odette/Odile, doppio ruolo che incarna perfettamente, sia le meravigliose linee sia per la splendida interpretazione tramandata dalla leggendaria danse d’école russa.