venerdì 24 maggio 2013

Danilo Formaggia, tenore

Nato a Milano, ha studiato pianoforte e canto, perfezionandosi con Alfredo Kraus e Magda Olivero. Nel 1998, unico tenore italiano in concorso, si è aggiudicato il Premio "Enrico Caruso". All'attività artistica affianca studi in Giurisprudenza.
Dopo il debutto nel 1996 nelle Due Contesse di Paisiello e nei Due Baroni di Cimarosa al Festival dell'Opera Buffa, Danilo Formaggia ha iniziato una brillante carriera internazionale che lo ha visto esibirsi nei principali teatri italiani ed esteri. Ha cantato al Teatro alla Scala di Milano, Maggio Musicale Fiorentino, Teatro San Carlo di Napoli, Teatro dell'Opera di Roma, Teatro Bellini di Catania, Teatro Verdi di Trieste, Opernhaus di Lipsia, Opera di Montecarlo, Opera di Budapest, l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma, Opera di Seoul, Sydney Opera House, Festspielhaus di Baden-Baden, Festival di Edimburgo, Festival di Wexford. Tra i direttori d'orchestra con cui ha collaborato si distinguono Claudio Abbado, Sir Colin Davis, Ivor Bolton, Donato Renzetti, Nello Santi, Gianluigi Gelmetti, Paolo Arrivabeni, Bruno Aprea, Rico Saccani, Luciano Acocella. Tra i registi segnaliamo Lindsay Kemp, Graham Vick, Denis Krief, Beppe De Tomasi, Filippo Crivelli, Giancarlo Corbelli, Antonio Calenda, Michele Mirabella, Daniele Abbado ed altri.
Il suo repertorio comprende opere di Piccinni, Paisiello, Rossini, Donizetti, Bellini, Mozart, Verdi, Puccini, Mascagni, R. Strauss, Stravinskij. Danilo Formaggia ha inoltre preso parte a diverse prime esecuzioni assolute di opere contemporanee come Poesie di Puccini con musiche di Franco Mannino, Il fantasma della cabina di Marco Betta, La Bella e la Bestia di Marco Tutino, La Tempesta con musiche di Henry Purcell/Carlo Galante, La madre del mostro, nuova opera di Fabio Vacchi con l'Orchestra della Toscana diretta da Claire Gibault e la regia di Denis Krief in cui ha interpretato il ruolo del Padre. Tra le sue interpretazioni si distinguono Die Zauberflöte a Reggio Emilia, Ferrara, Baden-Baden, Modena, sotto la direzione di Claudio Abbado, I Capuleti e i Montecchi al Festival di Martina Franca, La Rondine (Prunier) con Gianluigi Gelmetti all'Opera di Sydney, Don Gregorio (Enrico) al Festival di Wexford, Der Rosenkavalier (Un cantante italiano) all'Opéra di Montecarlo, Lucia di Lammermoor (Edgardo) al Teatro Municipal de Sao Paulo,La Traviata (Alfredo Germont) alla Fenice di Venezia. Ha cantato Marcella (Giorgio) al Festival di Martina Franca, La Bellezza ravveduta nel Trionfo del Tempo e del Disinganno (Tempo) alla Sagra Musicale Malatestiana di Rimini, La maschera di Punkitititi, nuovo lavoro di Marco Taralli all'Opera di Roma. Ha recentemente interpretato Maria Stuarda (Roberto Conte di Leicester) all'Opera di Liège e Pelagio di Mercadante al Festival della Valle d'Itria di Martina Franca
Recentemente è stato protagonista de  Il Re Nudo al Teatro dell'Opera di Roma; ha cantato ne La Rondine al Teatro del Giglio di Lucca, ne Il Signor Bruschino all'Auditorium de Tenerife, quindi è stato a Fano con Le Convenienze e inconvenienze teatrali. Al teatro dell'Opera di Roma è tornato per interpretare Pagliacci, all' Oper Leipzig, dove ha interpretato Ruggero ne La Rondine,e Re Lear di Cagnoni a Martina Franca.
Prossimamente lo vedremo in scena a Savona ne Il Barbiere di Siviglia. Sin dagli esordi, Danilo Formaggia ha svolto attività concertistica collaborando con numerosi festival e teatri, tra cui il Teatro alla Scala, Festival Umberto Giordano, Festival Puccini di Torre del Lago. Il suo repertorio comprende arie operistiche e opere come Carmina Burana di Orff, Stabat Mater di Rossini, Requiem di Mozart. Tra le sue incisioni: Le Maschere di Mascagni in occasione del centenario della prima rappresentazione dell'opera (Kicco Music); La Cecchina ossia la buona figliola di Piccinni (Bongiovanni); I Capuleti e Montecchi di Bellini CD e DVD (Dynamic); Die Zauberflöte di Mozart con Claudio Abbado e la Mahler Chamber Orchestra nell'anno mozartiano (Deutsche Grammophon, 2006); I Puritani nel DVD Hardy Classic (omaggio a Bellini con Vincent Scalera al pianoforte); A tu per tu con Magda Olivero (DVD Hardy Classic).

Nessun commento:

Posta un commento