lunedì 17 luglio 2017

Davide Pozzi, organo e clavicembalo

Nato nel 1975, Davide Pozzi si è diplomato con il massimo dei voti in organo e composizione organistica e clavicembalo presso il Conservatorio G. Verdi di Milano. Presso lo stesso Conservatorio si è in seguito laureato ottenendo la lode e la menzione d’onore in organo. Ha completato i suoi studi alla Civica Scuola di Musica di Milano e alla Schola Cantorum di Basilea.
Dopo essere stato premiato ad alcuni concorsi organistici e cembalistici nazionali, ha vinto come cembalista dell’ensemble Estro Cromatico di Milano il secondo premio al Concorso Internazionale Bonporti di Rovereto e il premio Bärenreiter al Concorso Telemann di Magdeburgo, entrambi presieduti da Gustav Leonhardt.
Affermatosi soprattutto come cembalista ed interprete di musica antica, si è esibito in Italia, Francia, Germania, Svizzera, Spagna, Austria, Croazia, Polonia, Finlandia, Lettonia, Israele, Stati Uniti e Giappone, suonando per enti concertistici di primissimo piano come Tage Alte Musik Regensburg, Museo degli strumenti musicali e Philharmonie di Berlino, Konzerthaus di Vienna e di Berlino, Concertgebouw di Amsterdam, Tonhalle di Zurigo, Musica e poesia a San Maurizio di Milano, Società del Quartetto di Milano, Teatro alla Scala, Teatro Regio di Parma, Teatro Real di Madrid, Auditorium di Milano, Teatro degli Arcimboldi di Milano.
È spesso invitato come organista in stagioni concertistiche nate per la valorizzazione del patrimonio organistico storico o per l’esecuzione su prestigiosi strumenti originali e copie.
Come cembalista solista ha eseguito concerti di Johann Sebastian Bach, Galuppi, Serini, Carl Philipp Emanuel Bach e altri, collaborando con numerose orchestre in Italia e all’estero.
Da segnalare le esecuzioni del quinto concerto brandeburghese di Bach al Regio di Parma con Enrico Dindo, il concerto BWV 1052, il quinto brandeburghese all’Auditorium di Milano e il concerto BWV 1058 alla Philharmonie di Berlino.
Il suo primo disco da solista, inciso per MV Cremona, comprende l’integrale delle sonate per organo di Jacopo Antonio Arighi. In seguito ha inciso CD di volta in volta dedicati a Bach e al suo rapporto con la musica italiana, alle opere di Bernardo Pasquini e ai concerti per organo di Antonio Vivaldi. Ha registrato il concerto per fortepiano e orchestra Wq 35 di Carl Philipp Emanuel Bach per la Sony Germania, con l’orchestra Streicherakademie di Bolzano e diretta da Sergio Azzolini. È in uscita il suo ultimo lavoro con cembalo e fortepiano dedicato alle opere per tastiera di Carl Philipp Emanuel Bach per l’etichetta Stradivarius. Ha registrato per Deutsche Harmonia Mundi, Naïve Classique, Sony Classical, Glossa, Chandos, Amadeus, Stradivarius, Bongiovanni, La Bottega Discantica, Arts e, in diretta, per varie emittenti radio-televisive in tutto il mondo. Ha insegnato clavicembalo presso il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena; insegna presso il Conservatorio “G. Verdi” di Como.  

Nessun commento:

Posta un commento