giovedì 25 luglio 2013

Lathika Vithanage, violino

Nel corso degli ultimi quattro anni, Lathika Vithanage si è affermata come una delle violiniste barocche emergenti della nuova generazione nel panorama musicale sia europeo sia australiano.
Con l’aiuto di tre borse di studio del governo italiano, due borse Ian Potter e la borsa “Australia Council Skills and Development”, dal 2010 Lathika si è trasferita in Italia, a Milano, per studiare con Stefano Montanari. Ha, inoltre, partecipato a diversi corsi di musica antica, studiando con i violinisti Susanne Scholz (Austria), Judy Tarling (Inghilterra), Richard Gwilt (Inghilterra-Germania), Daniella Helm e Müllejans Petra (Germania), Olivia Centurioni ed Enrico Onofri (Italia), Anna McDonald, Neal Peres Da Costa e Rachael Beasley (Australia). 
Dopo un breve periodo di permanenza in Europa, Lathika si è trovata a ricoprire ruoli importanti in molte realtà musicali europee. È stata prima parte dei Giovani dell’Academia Montis Regalis nel 2011 (Alessandro De Marchi), del Festival di Aix-en-Provence Opera Orchestra 2011 (Leonardo García Alarcón) e della Ambronay European Baroque Academy del 2011 e 2012 (Sigiswald Kuijken e Leonardo García Alarcón).
Collabora regolarmente con gruppi di alto profilo tra cui Accademia Bizantina (Italia), Freiburg Baroque Orchestra (Germania), Ensemble Clematis (Belgio), Concerto Italiano (Italia), La Cappella Mediterranea (Francia) e La Divina Armonia (Italia). Come primo violino di spalla è stata chiamata da vari gruppi a svolgere tale mansione. Spiccano una registrazione dei Concerti per oboe di Vivaldi per la Sony con Silete Venti (pubbl. fine 2012), e collaborazioni con Milano Classica e La Verdi Barocca.
Oltre che dell’ensemble Il Caleidoscopio, è membro fondatore di AbChordis Ensemble. Nel 2011 è tornata in Australia per esibirsi alla Pinchgut Opera nella Griselda di Vivaldi, e condividerà ancora la sua conoscenza e i suoi risultati professionali con i suoi colleghi in Australia grazie a un invito ricevuto per il 2013 da Salut! Baroque.

Nessun commento:

Posta un commento