martedì 30 marzo 2010

Luis Bacalov, compositore

Compositore argentino naturalizzato italiano, è noto al pubblico per la sua attività musicale in ambito cinematografico. Dopo aver studiato a Buenos Aires ed essersi perfezionato a Parigi, si è stabilizzato in Italia con una brillante carriera di arrangiatore e di musicista al fianco dei più popolari nomi della musica leggera italiana (Claudio Villa, Milva, Sergio Endrigo, Umberto Bindi). Nel 1960 Bacalov comincia anche l'attività di compositore per il cinema, sotto lo pseudonimo di Luis Enrìquez. A collaborato con registi del calibro di Federico Fellini (La citta delle donne), Pier Paolo Pisolini, Damiano Damiani, Ettore Scola, e ha conquistato il premio Oscar per Il postino.
È titolare del corso di "Composizione di musica per film" presso l'Accademia Chigiana di Siena. È docente presso l'Accademia di cinema a Cinecittà.
Nel 2008 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano gli ha conferito il Premio Vittorio de Sica per la Cultura. 
========= esteso =============
Pianista, compositore (Misa Tango ha aperto il Festival di Pasqua della Accademia Nazionale di Santa Cecilia nel 1999, Il Postino, Premio Oscar a Los Angeles per le musiche per film), direttore d'orchestra (nominato direttore stabile della Orchestra della Magna Grecia), Luis Bacalov è nato a Buenos Aires, dove inizia la sua formazione musicale all'età di cinque anni, studiando pianoforte con Enrique Barenboim, continuando quindi con Berta Sujovolsky (allieva di Artur Schnabel). Inizia ben presto l'attività concertistica in Argentina come solista e in duo con il violinista Alberto Lisy, nonché in gruppi di musica da camera. Fa ricerche sul folklore musicale di varie nazioni sudamericane, lavorando in questa disciplina per la Radio e la Televisione Colombiana, dove inoltre fa conoscere, come interprete, la produzione pianistica delle Americhe dell’Ottocento e del Novecento.
In Italia e in Francia, a partire dagli anni '60, si dedica anche alla composizione di musiche per il cinema, collaborando con registi quali Lattuada, Damiani, Scola, Petri, Faccini, Giraldi, Wertmüller, Kurys, Stora, Lefebvre, Borowczyk, Greco, i fratelli Frazzi, Pasolini, Fellini, Radford e Rosi. E’ anche l’autore delle musiche di Il cielo cade con la regia dei fratelli Frazzi con i quali ha collaborato anche per Almost American. Per le musiche de Il Postino, con la regia di Michael Radford, ha avuto numerosi premi e nomination: il Davide di Donatello, il Globo d'Oro della Stampa Estera in Italia, il Nastro d'Argento dell'Associazione dei Critici Cinematografici, il Premio Oscar della Academy of Motion Pictures Arts and Science, il Premio Bafta (British Academy for Film and Television Arts), il Premio Nino Rota. Per La tregua di Francesco Rosi ha ottenuto una nomination per il Davide di Donatello e per il Vangelo secondo Matteo di Pier Paolo Pasolini una nomination dalla A.M.P.A.. Ha vinto il Globo d’oro per la musica del film Il Consiglio d’Egitto di Emidio Greco.
Come pianista si è dedicato a partiture di Bach, Chopin, Beethoven, Strawinskij e Berio, tra le altre. Come direttore d'orchestra, accanto al repertorio tradizionale e contemporaneo, esegue musiche di autori latino-americani, incluse le sue proprie. Ha inaugurato la Cavea dell'Auditorium, Parco della Musica di Roma il 2 luglio 2003 con il programma "Cinema Italiano", dirigendo l'Orchestra della Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Ha suonato al pianoforte Triple Concierto, per soprano, bandoneon e pianoforte, da lui composto e presentato in prima esecuzione dalla Santa Barbara Symphony Orchestra in California, ripreso dall' Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e recentemente dalla Rotterdam Philharmonic.
E' stato recentemente ospite dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia dove ha suonato con la celebre concittadina Martha Argerich in occasione dei programmi dedicati ad autori latino americani.
E' autore di composizioni per chitarra, violino, per vari gruppi strumentali e per pianoforte e orchestra. La sua composizione per soli, coro e orchestra intitolata Misa Tango, registrata dalla D.G.G. sotto la direzione di Myung-Whun Chung con Placido Domingo, Ana Maria Martinez e Hector Ulises Passarella, è stata eseguita a Roma con l’Orchestra della Accademia Nazionale di Santa Cecilia durante il Festival di Pasqua 1999. Per la D.G.G. Luis Bacalov ha registrato, nella rielaborazione per pianoforte e orchestra, i tanghi di Piazzolla e il suo Tangosain. L’intero album DGG\Universal ha avuto la nomination al Latin American Grammy Awards 2001.
Ha più volte diretto Misa Tango, tra cui a Palermo al Teatro Massimo e a Bari in occasione del Congresso Eucaristico Nazionale, concerto trasmesso dalla Radiotelevisione Italiana. Ha diretto la prima esecuzione mondiale della sua prima opera teatrale Estaba la Madre che, su commissione del Teatro dell'Opera di Roma, è andata in scena al Teatro Nazionale di Roma con la regia di Giorgio Barberio Corsetti nel 2004 e ripetuta nel 2005. Estaba la Madre ha avuto la prima esecuzione in Argentina al Teatro di La Plata (Buenos Aires) nel novembre del 2007 sotto la direzione dell'autore. A Città del Messico nel 2006 Luis Bacalov ha diretto la prima mondiale della sua opera Un ingenioso hidalgo en America. Nel luglio 2008 ha diretto, a Siena per l'Accademia Musicale Chigiana, la prima mondiale della sua opera-balletto y Borges cuenta que...,con la regia di Giorgio Barberio Corsetti, un omaggio a uno dei suoi più importanti connazionali, opera che è stata ripresa dal Teatro Verdi di Pisa nel dicembre 2009.
L'Ente Arena di Verona gli ha tributato recentemente un omaggio con un concerto gala al Teatro Filarmonico durante il quale sono state eseguite in prima mondiale partiture per pianoforte, bandoneón e orchestra. Ha ricevuto numerosi premi per la sua attività di compositore tra cui il Premio Nino Rota e nel 2008 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano gli ha consegnato il Premio Vittorio de Sica per il settore Cultura come personalità di rilievo nel campo della musica. E' docente di composizione di musica per il cinema alla Accademia Chigiana di Siena .
Ha formato un quartetto con bandoneón, contrabbasso, percussioni e pianoforte, con il quale esegue composizioni che ricercano punti d'incontro fra diverse culture musicali, approdando ad un risultato fortemente sincretico (musica etnica, urbana, contemporanea).
Gianni Iorio, nato a Foggia nel 1972, ha compiuto i suoi studi musicali presso il Conservatorio di Musica “U. Giordano” di Foggia, diplomandosi in pianoforte con il massimo dei voti e la Menzione d’Onore.
Fin dai primi mesi di studio è risultato vincitore di numerosi concorsi pianistici e di musica da camera nazionali e internazionali. Sono da ricordare i primi premi ai concorsi: “A.M.A. Calabria” di Lamezia Terme (edizioni 1983 e 1991), “G.B. Pergolesi” di Napoli, “Agorà 80” di Roma, “Euterpe” di Corato, “I. Strawinsky” di Bari, 3o Internatinal Competition of Music “M. Polivineo Tribute” di Teramo, “Giuseppe Vignali” di Verucchio, “Città del Vasto”, “Franz Schubert “ di Tagliolo Monferrato, concorso internazionale “Lario in musica” di Varenna.
Oltre ai concorsi ha sostenuto numerosi concerti pianistici presso importanti associazioni musicali nelle principali città italiane: Bari, Firenze, Pescara, Bologna, Genova, Napoli, Roma, Torino, Milano, Venezia, Verona. Ha sostenuto numerosi corsi di perfezionamento con pianisti di fama internazionale quali Massimo Bertucci, Carlo Bruno, Franco Scala e Sergio Perticaroli.
Ha intrapreso una brillante attività concertistica in qualità di bandoneonista sostenendo numerosi concerti nei teatri, jazz club e festival jazz più prestigiosi d’Europa tra i quali sono da ricordare: Teatro Eliseo di Roma, Comunale di Bolzano, La Fenice di Venezia, Lauro Rossi di Macerata, Paisiello di Lecce, Giordano di Foggia, Abeliano di Bari, Piccolo Regio di Torino, Teatro Massimo di Palermo, Teatro “Giovanni da Udine”di Udine, Teatro Rossetti di Trieste Palazzo Barberini e Teatro Ambra Jovinelli di Roma, Palazzo Grassi di Venezia, Castello di Nymphenburger a Monaco di Baviera, La Palma club e Alexanderplatz jazz club a Roma, Ferrara jazz club, Folk Club a Torino Porgy & Bess a Vienna, Duc de Lombard a Parigi, B.P. jazz club di Zagabria, Festival Internazionale della Valle d’Itria, Festival Internazionale di Fivizzano, Festival Internazionale di Tagliacozzo, Festival Internazionale di Cervo Ligure, Festival “Musiche Sulle Bocche “, Macerata Jazz Festival, Festival Italo Argentino “Un Ponte Tra Culture”, Bolzano Jazz & Other, Villa Celimontana Jazz Festival di Roma, Dusseldorf Jazz Rally, Istituto Italiano di Cultura a Bucarest, Varsavia Jazz Festival, Cracovia festival, Gulf jazz festival (Emirati Arabi e Kuwait) e altri.
Nel 1999 ha fondato il gruppo strumentale “Nuevo Tango Ensamble” registrando 3 CD: “Astor’s mood”, “A night in Vienna”e “Tango Mediterraneo”
I cd sono stati recensiti dalle più importanti riviste e siti web specializzati: Amadeus, CD Classics, Jazzit, Musica Jazz, www.piazzolla.org, www.jazzconvention.net.
Ha registrato per importanti etichette discografiche quali Real Sound, Philology, Dodici Lune, Jazzhaus e Rai Trade. Ha collaborato e collabora attualmente con artisti di fama internazionale quali Gustavo Toker, Alfredo Marcucci, Javier Girotto, Gabriele Mirabassi, Marco Siniscalco, Gianluca Renzi, Michele Rabbia, Luis Bacalov, Horacio Ferrer, Michele Placido ecc…
Attualmente è Direttore e 1° Bandoneon della “Grande Orquesta Tipica di Tango di Alfredo Marcucci”.

Nessun commento:

Posta un commento