mercoledì 20 gennaio 2016

Vittorio Zago, compositore

Dopo la laurea in Giurisprudenza e il diploma in Pianoforte, si è concentrato soprattutto sulla composizione studiando con docenti quali B. Bettinelli e A. Corghi e diplomandosi al conservatorio di Milano con il massimo dei voti; in seguito si è perfezionato al "Mozarteum" di Salisburgo con M. Kagel.
Si è affermato in diversi concorsi internazionali fra cui il premio “G. Petrassi” 1994 a Parma, “T. Takemitsu Award” 2000 e 2003 a Tokyo, “Camillo Togni” 2002 a Brescia, “V. Bucchi” 1997 e 2000 a Roma, “E. Hurlimann” 1994 a Ginevra, “Brandenburger Symphony Prize” 2006, “Romantico Bach” 2015 presso La Verdi a Milano.
Composizioni per orchestra sinfonica sono state commissionate da enti e festival quali il Teatro di Brandenburg, la Biennale di Venezia e l’ORT per il Festival Play IT a Firenze; mentre il Festival Milano Musica 2012 gli ha commissionato un quartetto d'archi con elettronica, eseguita dalla formazione RepertorioZero (Leone d'Argento alla Biennale di Venezia 2011).
Attualmente compositore in residence, per il secondo anno consecutivo, presso il Teatro di Brandenburg in Germania, la sua residence si concluderà con la prima esecuzione assoluta, nel giugno 2016, di Tropfen per orchestra. Recentemente la sua composizione Erosive raindrops per chitarra elettrica è stata incisa da A. Novaga nel CD La chambre de jeux sonores, mentre il brano “IV a 2” per violino e pianoforte è stato inciso dal duo F. Luciani – M. Motterle.
Sue musiche, presenti presso alcune prestigiose società concertistiche (Società del Quartetto di Milano, Teatro Regio di Parma, Maggio Musicale Fiorentino, Bachzaal di Amsterdam, Fondation P.Hindemith di Blonay (CH), Festival “Pianissimo 2000” di Sofia, Time of Music Festival di Viitasaari (FIN), Lippes Concert Hall di Buffalo (New York), Tokyo Opera City, Kumho Art Hall di Seul, Singapore Airlines Theatre), sono state trasmesse dalle Radio Nazionali Olandese, Spagnola, Bulgara, Giapponese, dalla Radio della Suisse Romande e dal Terzo canale della RAI, e pubblicate dalle case editrici Ricordi e Rugginenti di Milano e Bèrben di Ancona.
Nel 2004 la casa editrice "O barra O" di Milano ha pubblicato il libro "Le giornate di un compositore" in cui il compositore si concentra sul rapporto tra l'essenza del discorso musicale e l'esistenza da cui scaturisce, narrando e approfondendo la personale evoluzione del pensare la musica.
È docente di Composizione presso il Conservatorio di Musica "G. Verdi" di Como, di cui è anche vice Direttore.

Nessun commento:

Posta un commento