venerdì 24 febbraio 2017

Sergio Bologna, baritono

Nato a Carrara, si diploma presso il Conservatorio "G. Puccini"di La Spezia sotto la guida del soprano Antonietta Cannarile.
Nel 1996 vince i concorsi "Città di Roma" ed "Iris Adami Corradetti" di Padova.
Nello stesso anno debutta a Roma quale Figaro ne Il Barbiere di Siviglia, ruolo ripreso decine di volte in Italia ed all'estero e con cui
nel 2003 ha fatto il suo debutto al Teatro dell'Opera di Roma sotto la direzione del M° G. Gelmetti.
Dopo il debutto il suo repertorio comincia ad allargarsi abbracciando dapprima il repertorio belcantista con particolare predilezione dei ruoli donizettiani. A Bergamo nel 1997 e nel 1998, in occasione del bicentenario donizettiano partecipa a tutte le produzioni in cartellone con Lucia di Lammermoor, Don Pasquale (Malatesta), Adelia ed Il furioso all'Isola di Santo Domingo (Kaidamà) ed alla prima esecuzione assoluta in epoca moderna de L'ira di Achille. Sempre nel 1997 debutta in entrambi i ruoli de L'elisir d'amore.
Successivamente affronta anche il teatro pucciniano debuttando a Madrid il ruolo di Scarpia in Tosca, a cui seguiranno Madama Butterfly, La Bohéme (Marcello e Schaunnard) Turandot e, nel 2006, Manon Lescaut a Tel Aviv.
Nel 1997 a Como debutta il suo primo ruolo verdiano ne Il Trovatore a cui seguiranno tanti dei grandi titoli verdiani che diventeranno il terreno d'elezione del baritono carrarese: Rigoletto, La Traviata, Luisa Miller, Otello, Nabucco, Un ballo in maschera, Alzira, Simon Boccanegra, Aida.
A fianco di questi ruoli compaiono poi titoli del verismo come Cavalleria rusticana, Andrea Chenier, Adriana Lecouvreur (produzione del centenario dell'opera) e Pagliacci in cui alterna Tonio e Silvio e con cui ha fatto il suo debutto al Teatro dell'Opera di Tel Aviv con la regia di F. Zeffirelli.
Nel gennaio 2005 ha partecipato alla prima ripresa in epoca moderna dell'opera I Normanni a Salerno di T.Marzano al Teatro Verdi di Salerno.
Nel suo repertorio non manca V.Bellini (I Puritani) ed il teatro contemporaneo con Il gatto degli stivali di M. Tutino in una produzione del Teatro dell'Opera di Roma che prossimamente riprenderà a Trapani.
Per la Kicco Music ha inciso Rigoletto ed un recital in memoria di A. Kraus e per la Phenix ha inciso la Messa di Gloria di P. Mascagni.
E' stato ingaggiato dal teatro Comunale di Bologna per l'intera produzione dell'Opera Madama Butterfly nel ruolo Nel 2013 è Jago nell'Otello di Verdi al teatro Verdi di Pisa per la regia di Enrico Stinchelli e direzione di Claudio Maria Micheli, Rigoletto al Teatro Carlo Felice di Genova per la regia di Rolando Panerai e direzione Carlo Rizzari, Cavalleria Rusticana (Alfio) e Messa di Gloria di Mascagni al teatro Rendano di Cosenza, Otello al Teatro Carlo Felice di Genova nel ruolo di Jago per la direzione di Andrea Battistoni e regia di Davide Livermore. Ne 2014 è Scharpless in Madama Butterfly al Carlo Felice di Genova per la regia di Daniela Dessì e direzione Valerio Galli, Carlo Gerard in Andrea Chenier al teatro Verdi di Pisa, debutta come protagonista Gianni Schicchi e Tabarro al Slovene National Theatre di Maribon. Nell’estate 2014 debutta il ruolo di Giacomo in Giovanna D'Arco di G. Verdi presso il Festival Viva Verdi Opera On Air in Slovacchia. Nel 2015 è Nabucco al Teatro Verdi di Trieste per la direzione di Giampaolo Bisanti, De Siriex nell'opera Fedora di Umberto Giordano al Teatro Carlo Felice di Genova, Amonasro in Aida presso il Macedonia Opera Theatre di Skopje, Gianni Schicchi in diretta nazionale dal Teatro di Lubiana con l'orchestra sinfonica RTV Slovenija. Nel 2016 interpreta Amonasro in Aida allestimento Zeffirelli per i teatri di Rovigo, Pisa e Livorno, torna al teatro Carlo Felice di Genova nel ruolo di Carlo Gerard in Andrea Chenier allestimento Pugelli, Amonasro in Aida al Festival di Spalato, Rigoletto al Teatro Verdi di Pisa, Gianni Schicchi presso il teatro il National Theatre di Kiew (Ucraina) e nello stesso ruolo al Teatro di Verdi di Pisa, conclude l’anno con Lucia di Lammermoor per il Luglio Musicale trapanese.di Sharpless.

www.sergiobologna.it

Nessun commento:

Posta un commento