mercoledì 30 giugno 2010

Roberto Costi, tenore

Debutta nell'ottobre 2001 al Teatro Bellini di Catania nella Messa da Requiem di G. Pacini diretta dal M° Donato Renzetti.
Nel dicembre dello stesso anno ha interpretato il Duca di Mantova in Rigoletto di G. Verdi al Teatro V. Basso di Ascoli Piceno sotto la direzione di Marcello Rota.
Nell'aprile 2002 ricopre il ruolo di Rodolfo in La Bohéme di G. Puccini a Milano.
Nel gennaio 2003 è stato Edgardo nella Lucia di Lammermoor di G. Donizetti al Teatro dell'Opera di Palm Beach (Florida).
Nel febbraio 2003 è ancora Rodolfo al Teatro Bellini di Catania con la direzione del M° D. Renzetti; ruolo che lo ha visto impegnato nella successiva tournée in Giappone dove si è esibito nei più importanti teatri, tra cui il Bunka Kaikan di Tokio.
A luglio 2004 ha debuttato il ruolo di Canio nell'opera Pagliacci a Catania nella produzione estiva del teatro Bellini.
A settembre 2004 ha debuttato nel ruolo di Cavaradossi nell'opera "Tosca" a Cuneo sotto la guida del maestro Aldo Salvagno.
A dicembre 2004 ha debuttato il ruolo di Gabriele nell'opera " Simon Boccanegra " nel circuito dei teatri piemontesi.
Luglio 2005 ha debuttato il ruolo di F.B.Pinkerton nell'opera "Madama Butterfly" alle Terme di Caracalla Roma con la Direzione del M° Donato Renzetti.
Agosto 2005 ha debuttato il ruolo di Turiddu nell'opera "Cavalleria Rusticana" in forma di concerto presso il Teatro Silvio Pellico di Trecate ( No) che poi ha sostenuto con grande successo al Festival Bellano Lirica con la direzione di Roberto Gianola.
Dicembre 2005 ha debuttato il ruolo di Fritz nell'opera "L'amico Fritz " di Mascagni e Alfredo nell'opera "La Traviata"di G.Verdi nel circuito dei teatri piemontesi.
Insieme alla produzione operistica conduce un'intensa attivit· concertistica in Italia (Verona, Modena, Bologna, Parma, Roma ecc. ) e all'estero (Germania, Repubblica Ceca, Ungheria, Svizzera ecc.).

Massimiliano Cona, chitarra


Nato a Uster in Svizzera nel 1970 all'età di dieci anni intraprende lo studio del pianoforte, che continua fino a quattordici anni. Poi inizia lo studio della chitarra jazz seguendo i corsi di alcuni maestri siciliani. All'età di diciannove anni si iscrive alla Lizard School di Fiesole diretta da Giovanni Unterberger, dove consegue il diploma con il massimo dei voti, approfondendo lo studio delle tecniche virtuose ed espressive dello strumento, preparandosi anche al loro insegnamento, infatti oggi dirige la Lizard laboratorio musicale Regione Sicilia. Ha rappresentato l'Italia in vari Meeting Europei organizzati dalla Cee. Nel 1997 è ospite a Luhacovice nella Repubblica Ceca all'Europe Day, dove Sono presenti, oltre all'Italia di cui e il rappresentante, altre quindici nazioni. Nel 1999 a Limanowa , in Polonia , partecipa al diciottesimo Ginsburg Meeting presentando un Medley di brani di musica classica rivisti in chiave moderna: Il Volo del Calabrone di N.Rimsky Korsakov; Marcia Turca di W.Amadeus Mozaet; Sinfonia n° 40 di W.Amadeus Mozart e Inno alla Gioia di L.Van Beethoven. Ha collaborato con altri insegnanti della Lizard per la stesura di un metodo per chitarra elettrica, Hard Rock e Heavy Metal, con la supervisione di Giovanni Unterberger e distribuito dalla Bmg Ricordi. Nel 2001, e' uno dei vincitori del concorso Demotape, indetto dalla rivista Chitarre e Play Game Music per la quale ha inciso il brano Love Immersion inserito nel cd Emergenza Chitarre tre. Nel 2003, vince per il secondo anno di seguito il concorso Emergenza chitarre Quattro con il brano Scent of Land. Nel 2004 in Costanza "Romania" Riceve il Diploma "The Best Guitar Solo Player Romania 2004". Nel 2005 intraprende un'intensa attività didattica, in giro per l'Italia, alternandosi tra seminari e concerti. Nel 2006 firma un contratto con con la casa discografica R.T.I. gruppo Mediaset come autore di musiche per film e pubblicità. Nel 2007 esce il suo primo dvd didattico "La Chitarra Solista Rock" prodotto della PlayGame Music, sempre nello stesso anno partecipa alla trasmissione televisiva Talent 1 su italia 1. Nel 2008 inizia una collaborazione con Yamaha Musica Italia diventando dimostratore nazionale chitarre acustiche.
www.massimilianocona.it

Pietro Nobile, chitarra

Milanese di nascita, dopo un primo periodo di concerti da solista incontra a Parigi nel 1981 Marcel Dadi, grazie al comune amico Herbert Pagani. Dopo un intensa attivita' concertistica, nel1986 comincia a scrivere per la rivista "Guitar Club" e nel 1987 Emi pubblica il suo primo disco "Waiting" prodotto da Alberto Radius. Nel 1988 inizia ad insegnare al CPM di Milano, tenendo un corso monografico sul fingerstyle. Numerosi gli stages e i seminari che tiene in giro per l'Europa. Dal 1991 e per i tre anni seguenti, partecipa alla Rassegna Mondiale della Chitarra di Issoudun, in Francia. La rivista "Guitar Club" lo elegge miglior chitarrista acustico italiano nel 1991, 1992 e 1994. Nel 1996 viene invitato a suonare all'Olympia di Parigi con altri chitarristi di fama mondiale in un concerto commemorativo per la scomparsa di Marcel Dadi, a cui seguirà a breve il disco "Marcel Dadi-Hommage", distribuito in tutto il mondo. Nel 2000 esce il cd "La città dei sogni", che contiene un brano utilizzato per la compilation di grande successo (solo in Italia 90.000 copie vendute) "Eterea" pubblicata da Emi. Nel 2001 esce il cd "Volo libero" ancora per Emi, pubblicato in Italia e Svizzera. Nel 2002 e nel 2003 partecipa al Montreux Jazz Festival, in due memorabili concerti solisti. Nel 2002 riprende la collaborazione con Flavio Oreglio, producendo uno spettacolo per Zelig dal titolo Musicomedians, a cui partecipano anche Leonardo Manera, Sergio Sgrilli. Alberto Patrucco. Dal 2003 ad oggi intensifica l'attività concertistica in Europa e partecipa a numerose trasmissioni radiofoniche e televisive, oltre a proseguire l'attività didattica che lo porta a diventare padrino della sezione di chitarra acustica per la Fondazione "Little Dream" di Phil e Oriane Collins a Ginevra. Nel novembre 2006 partecipa al Galà Telethon di Ginevra e in Dicembre a quello per il Telefono Azzurro a Bologna. Nel 2007, partecipa nuovamente al festival mondiale della chitarra di Issoudun e al Milano meets New-York Guitar Festival. Nel 2008 ha fatto una tournè in Canada, e in Italia con lo spettacolo "Riflessioni Sonore" Pietro si occupa da dieci anni anche di produzioni discografiche, di jingle pubblicitari e colonne sonore, nel suo studio di registrazione a Milano. Attualmente sta preparando il nuovo album.
www.pietronobile.com

Renato Pompilio, chitarra

Profondo conoscitore dei repertori classico, jazzistico, etnico brasiliano e flamenco, Renato Pompilio ha cominciato l'attività di chitarrista professionista negli anni Settanta, girando l'Europa come session man. Dopo un periodo di studio in Brasile ha inaugurato una serie di collaborazioni con vari musicisti e compositori di livello internazionale, partecipando a seminari e rassegne coronate dalla presenza di personaggi illustri del panorama mondiale, come Miles Davis, Marcel Dadi, Elise Witt. Nel 1990 ha fatto parte del gruppo opening del Trio di Michel Camillo al Latin Night Festival e ha collaborato alla realizzazione del cd Rosa rossa con Yumi Yamagata. Nel 2002 ha fondato la Lakers Jazz Big Band e nell'anno seguente è stato docente ai seminari del Warren Wilson College in North Carolina (Usa).
www.renatopompilio.com

Gigi Cifarelli, chitarra

Conosciuto dal grande pubblico per aver collaborato con Renato Zero, Tullio De Piscopo, Carlo Marrale (Matia Bazar) e soprattutto, con Mina e Massimiliano Pani e per aver partecipato a diverse trasmissioni televisive accompagnando artisti come Joe Cocker, Paul Young, Sam Moore, ed altri. Noto agli appassionati per i suoi dischi, per le sue collaborazioni e jam-sessions con grandi jazzisti come: Chick Corea, Sam Rivers, Jack De Johnette, Mark Murphy, Delmar Brown, Cameron Brown, Billy Hart, Charles Tolliver, Jimmy Owens, Ursula Kukjack, Tony Scott, Enrico Rava e Franco Ambrosetti, ambedue presenti nel suo album del 1992 "Kitcken Blues" realizzato con la partecipazione di altri importanti musicisti italiani come Alfredo Golino, Patrizio Fariselli (Area), Antonio Fara, Christian Meyer, Demo Morselli, Massimo Colombo e Paolino Dalla Porta. Gigi Cifarelli inizia a suonare la chitarra all'età di 7 anni considerandola alla stregua di un hobby fino ai 23.Nel 1985 realizza l'album "Coca & Rhum", prima produzione di fusion in Italia, prodotto da Alberto Radius e da Guitar Club, nel 1986 decide di intraprendere definitivamente la carriera musicale e si mostra in tournèe a fianco di Tullio De Piscopo, con cui alterna esperienze di musica leggera e jazz. Nel 1987, con Brian Auger, grandissimo organista inglese, e con Julius Farmer al basso e Alfredo Golino alla batteria, effettua una serie di concerti in Italia e all'estero. Nel 1995 viene invitato a Patrimonio, in Corsica, dove ogni anno si tiene uno dei più importanti festival per chitarristi. Viene affiancato a musicisti come Robben Ford, Mike Stern, John Scofield, Philipe Caterine e Toots Thielemans raggiungendo, come meritava da tempo, un rilievo ed una dimensione internazionale. La stampa francese lo definisce "super guitariste". Nel 1997 viene rinnovato l'invito. Tra gli ospiti Larry Carlton e Taj Mahal. Nel contesto del festival suona con Bireli Lagrene, con cui continuerà la collaborazione suonando in Francia in duo o anche in trio con Philippe Catherine. Negli ultimi anni ha collaborato ancora a qualche registrazione di musica leggera suonando con Daniele Silvestri, Maurizio Lauzi e Dirotta su Cuba. Nel 2001 ha collaborato e suonato con Carl Anderson, lo splendido Giuda di Jesus Christ Superstar. Sempre nell'estate del 2001 è stato invitato ad Astaffort (Tolosa) per suonare insieme a Scott Henderson. Oltre ad un incredibile numero di concerti nei vari clubs italiani, dove ama suonare, collabora con Guitar Club e con molte strutture didattiche italiane.
www.gigicifarelli.net

martedì 29 giugno 2010

Emiliano Esposito, maestro del coro

Nato a Roma, inizia la carriera musicale presso il Coro della Cappella Musicale Pontificia – Sistina,
sotto la direzione del M° Domenico Bartolucci. Consegue il quinto anno di pianoforte e inizia l'attività di organista presso la Corale Polifonica S. Giuseppe all'Aurelio in Roma di cui diventa direttore dal 1998 al 2000. Entra a far parte del Coro Giovanile dell'Accademia Nazionale S. Cecilia in Roma, sotto la direzione del M° Martino Faggiani, collaborando con grandi direttori d'orchestra quali Fabio Biondi, Myung-Whun Chung, Enrique Mazzola, Michele Campanella.
Nel 2000 entra a far parte dell'organico del Coro del Teatro Regio di Parma, sempre sotto la direzione del M° Martino Faggiani, collaborando con direttori del calibro di Zubin Metha, Michel Plasson, Bruno Bartoletti, Donato Renzetti, Massimo De Bernard, con i quali ha eseguito i più importanti titoli operistici e sinfonici quali Trovatore, Rigoletto, Tosca, Traviata, Norma, Aida, Messia di Haendel, Damnation de Faust di Berlioz, Oedipus Rex di Stravinsky, Missa Solemnis di Beethoven.
Dal 2007 è M° del "Coro dell'Opera di Parma", con il quale partecipa a produzioni liriche quali Il Trovatore, Rigoletto, Traviata, L'elisir d'amore, Manon Lescaut, Turandot, Attila, Barbiere di Siviglia e altri titoli del repertorio operistico.
Nel 2008 è chiamato in veste di Vice M° alla Corale "G. Verdi" di Parma.
Da maggio 2005 è anche Maestro Direttore della Corale Lirica Valtaro.

Melopèa, ensemble cameristico di Parma

L'Ensemble Melopea nasce nel 2010 a Parma dalla volontà di un gruppo di musicisti, provenienti principalmente dal mondo dell'opera lirica.
Il progetto è quello di affrontare un percorso di ricerca all'interno del vasto repertorio internazionale della musica corale da camera, sacra e profana, dei secc. XVI-XIX, con particolare attenzione a composizioni inedite o non più eseguite di autori maggiori e minimi della letteratura musicale.
L'intento è quello di dare a queste pagine stupende la forza, il gusto e il colore tipico della vocalità italiana, nel pieno rispetto della prassi esecutiva che comunque caratterizza tale repertorio.
Melopea nasce quindi dall'esigenza di voler spaziare senza alcun trauma all'interno di diversi repertori, che richiedono diverse interpretazioni, sottolineando in tal modo, l'elevato livello tecnico interpretativo degli artisti di cui essa si compone.

venerdì 25 giugno 2010

2010_09_05 Concorso di Canto "Maria Caniglia"a Sulmona

Si svolgerà  dal 5 a 12 settembre 2010 il 27° Concorso Internazionale di Canto "Maria Caniglia"
nella splendida cornice del Teatro Comunale di Sulmona (Aq).
Presidente della prestigiosa giuria
Ileana Cotrubas. Finale con l'Orchestra Sinfonica.

Premi in denaro e Borse di studio per complessivi 18.000 euro
La scadenza delle iscrizioni è fissata al 28 Agosto 2010.
Il bando di concorso è disponibile all'indirizzo 
www.mariacaniglia.it
Per informazioni è possibile anche chiamare  l'ufficio di segreteria al
numero 0864 212207.

2010_09_20 Scadenza Nuova Musica Festival presentazione opere figurative

In occasione della prossima edizione del festival di
Nuova Musica "Contemporanea"
TEM - Taukay Edizioni Musicali e Delta Produzioni Associazione Culturale, in coordinamento con Vox Novus, invitano artisti di ogni età e nazionalità a partecipare con l'invio dei propri lavori al progetto "60x60 Images".
Si tratta di una mostra di arti grafiche e figurative legata al progetto di musica elettronica "60x60" del compositore Robert Voisey (
http://www.voxnovus.com/ ).
"60x60", che sarà uno degli appuntamenti del festival "Contemporanea" è un progetto che include 60 composizioni sonore di 60 differenti compositori; ogni composizione ha una lunghezza massima di 60 secondi (i brani possono avere anche lunghezza inferiore). Parallelamente, durante il festival, sarà organizzata una mostra dove saranno esposte opere della dimensione di 60x60 centimetri.

La partecipazione è gratuita.

Per la realizzazione delle opere potrà essere utilizzata qualsiasi tecnica conosciuta.
Il risultato dovrà poi essere digitalizzato ed inviato telematicamente alla nostra segreteria
(N.B. il risultato finale che verrà esposto dovrà necessariamente essere una stampa fotografica digitale in quadricromia delle  dimensioni di 60x60 centimetri).

Durante una prima fase di acquisizione, il materiale partecipante dovrà essere inviato attraverso internet sotto forma di immagine in formato digitale e a bassa risoluzione al seguente indirizzo:
info@taukay.it

In alternativa è possibile utilizzare sistemi di file hosting come "Yousendit" o "Rapidshare" inserendo l'indirizzo e-mail sopra indicato come destinatario. Si sconsiglia l'utilizzo della posta ordinaria per l'invio del materiale.

E' possibile prendere parte all'iniziativa con più lavori.

E' richiesta la seguente documentazione:
- Nome, cognome, indirizzo, numero di telefono, indirizzo e-mail, data e luogo di nascita, cittadinanza.
- Curriculum vitae dell'Artista.
- Titolo dell'opera
- Dichiarazione di consenso all'utilizzo delle opere senza percepire compenso.
- Dichiarazione di consenso al trattamento dei propri dati personali (D. Lgs. 196/03 - Codice in materia di Privacy).
(La scheda di partecipazione contenente tutte le dichiarazioni richieste è disponibile al seguente link:
http://www.taukay.it/60x60/60x60_images.html)

Si prega di inviare il proprio lavoro e la scheda di partecipazione non oltre il 20 settembre 2010.

Successivamente al 20 settembre, a seguito della valutazione qualitativa di una commissione di esperti, verranno scelti i lavori da esporre. Verrà data comunicazione dell'elenco dei lavori selezionati entro il 30 settembre 2010.

Agli artisti selezionati verrà richiesto un file in formato utile per la stampa digitale.
Le stampe resteranno di proprietà di TEM - Taukay Edizioni Musicali che potrà utilizzarle per fini istituzionali e culturali.

Le decisioni della commissione di esperti sono inappellabili.
La presentazione delle opere alla manifestazione comporta da parte dell'autore l'accettazione delle norme sopraindicate.
La mancata osservanza delle norme sopraindicate comporta la decadenza di qualsiasi diritto derivante dalla partecipazione.
Per ogni eventuale controversia è competente il Foro di Udine.
Per ulteriori informazioni visitare il sito di TEM - Taukay Edizioni Musicali:
http://www.taukay.it

Per contatti inviare una e-mail a: info@taukay.it

Taukay Edizioni Musicali
via del Torre 57/5
33047 Remanzacco (Udine)
ITALY
tel. +39 0432 649244
fax +39 0432 649575
http://www.taukay.it

2010_07_11 Ultimi laboratori della stagione: Improvvisazione e Butoh in Acqua

The Meeting Point – Under the Roof
SITE SPECIFIC PERFORMANCE LAB 3
con Marcella Fanzaga
 
Ultimo appuntamento prima della pausa estiva.
I laboratori riprenderanno ad Ottobre con cadenza mensile.
 
Domenica 11 Luglio 2010_07_11 ore 16.00-21.00
presso SPAZIO A – Via Maestri del Lavoro – Sesto San Giovanni (MI)
Laboratorio sulla pratica della Composizione Istantanea Interdisciplinare.
Aperto ad attori, musicisti, danzatori, artisti visivi, cantanti, curiosi e disposti a mettersi in gioco.
Costo: 15euro
Iscrizioni e Informazioni:
marcella.fanzaga@tiscali.it 349 57 63 325
giulio@spazioa.org 339 80 34 424
http://marcellafanzaga.blogspot.com
http://themeetingpoint-milano.blogspot.com
 
Sabato 17 – Domenica 18 Luglio 2010
PUNTO DI CONFINE…LA DANZA DELL'ASCOLTO  
laboratorio di danza butoh e improvvisazione
con Marcella Fanzaga
Orario Sabato 10.00 – 14.00 – Domenica 10.00 – 15.30
Questo laboratorio si svolgerà in parte in aula in parte in ambiente acquatico.
Il laboratorio è aperto a tutti, danzatori, attori, musicisti, ed è particolarmente indicato per operatori sociali, educatori,
insegnanti, psicologi e pedagogisti in quanto facilita l'entrare in contatto creativo con il sé profondo fornendo un supporto
sia per l'atto performativo sia per la  relazione educativa e/o terapeutica.
Sede del laboratorio: Associazione PuntoUno – Via Martinetti 28, Milano – (zona S.Siro) e Piscina Lampugnano – Via Lampugnano 76
Costo: € 100,00 (tessera associativa comprensiva di assicurazione ed ingresso in piscina inclusi

Per partecipare è necessaria la prenotazione
telefonando allo 02-48752847
Inviando e-mail a :
associazionepuntouno@gmail.com
 

ORGANIZZAZIONE
Associazione PuntoUno Pedagogia del Teatro, delle Arti e del Benessere Psicofisico Via Martinetti, 28 Milano
www.associazionepuntouno.net
SI SEGNALA INOLTRE:
 
BANDO DI SELEZIONE per danzatori, musicisti, organizzatori e tecnici polivalenti dello spettacolo
 
Nell'ambito del progetto di formazione, stage e spettacolo Pogas "Azioni in favore dei giovani" dal titolo
"Movimenti urbani" promosso dal Ministero della Gioventù
 
Bando Collettivo Teatro Animazione, Orvieto
Coreografa Paola Lattanzi
Per AUDIZIONI: inviare curriculum e foto a
pao.lattanzi@gmail.com  indicando nell'oggetto "Audizione Movimenti Urbani
Saranno selezionati 12 ragazzi fra i 18 e i 30 anni di età
10 ragazzi/e fra danzatori e musicisti
1 ragazzo/a organizzatore per lo spettacolo
1 tecnico per lo spettacolo
Tutte le selezioni avverrano ad Orvieto, sala del Carmine via loggia de mercanti
Selezioni per la formazione di danzatori e musicisti SABATO 10 LUGLIO ore 12
selezione per la formazione di organizzatori  GIOVEDI 15 LUGLIO ORE 11
selezione per la formazione di tecnici polivalenti dello spettacolo VENERDI 16 LUGLIO ORE 11
 
I requisiti fondamentali per accedere alle selezioni sono:
Per la formazione in danza e musica  preparazione in danza contemporanea, musica, teatro.
E' richiesta  esperienza d'improvvisazione
 
Per la formazione in organizzazione dello spettacolo possibilmente, anche se non necessariamente, un titolo di studi Universitario, già ottenuto o in corso, che riguardi ambiti legati all'arte, alla comunicazione, alla filosofia, all'economia.
 
Per la formazione in tecnici dello spettacolo, buona capacità di conoscenza di base dell'applicazione della scenotecnica e illuminotecnica; titoli preferenziali : laurea in scenografia; corsi formazione professionale riconosciuti nell'ambito di settore, esperienze lavorative nell'ambito di settore
 
Condizione indispensabile è la frequenza obbligatoria per:
danzatori/musicisti:
20 giorni, 6 ore al giorno, di formazione in musica e danza ad orvieto.
FORMAZIONE:dal 12 al 18 luglio e dal 23 agosto al 5 settembre
 
20 giorni di stage (preparazione e performance di danza urbana) tra orvieto e  Palermo, 6 ore al giorno per gli allievi ulteriormente selezionati di danza e musica
PROVE:dal 6 settembre al 4 ottobre
 
organizzatori:
40 giorni fra formazione e stage (esperienza diretta sul lavoro), 6 ore al giorno per organizzatori dello spettacolo a Bologna
 
tecnici:
40 giorni fra formazione e stage (esperienza diretta sul lavoro), 6 ore al giorno per tecnici dello spettacolo a Palermo
 
La formazione in generale sarà ad opera, oltre che dei docenti principali di riferimento per ogni settore, anche di docenti ospiti.

giovedì 24 giugno 2010

2010_06_25 Giacomotti Voghera i risultati del concorso

18a Edizione Festival Ultrapadum
Venerdì 25 Giugno 2010 alle ore 21.15
Concerto lirico con i vincitori del
Concorso Internazionale A. Giacomotti
Piazza Chiesa Santa Maria e San Pietro – Silvano Pietra (PV) - Ingresso € 5,00.
in collaborazione con il Comune di Silvano Pietra (PV)
 
Sul sagrato della Chiesa di Santa Maria e San Pietro, si terrà il concerto lirico che vedrà salire sul palco i vincitori del Concorso Lirico Internazionale Alfredo Giacomotti, la cui serata di gala si è svolta lo scorso 10 giugno a Pavia.
L'edizione di quest'anno del Concorso Giacomotti ha visto la partecipazione di novanta concorrenti provenienti da Cina, Corea, Giappone, Spagna, Ucraina, Romania, Ungheria, Estonia, Germania, Austria. La giuria è stata presieduta da Silvia Biancheria Bettinelli e composta da Bonaldo Giaiotti, Angelo Romani, Dino Di Domenico, Maurizio Preda, Ugo Nastrucci, Federico Tondelli, Maria Pia Giacomotti.
I vincitori saranno impegnati nei concerti premio nell'ambito del Festival Ultrapadum, con le orchestre dei grandi eventi sinfonici.
 
Ecco i vincitori:
1° Premio: Sophie Gordeladze (soprano), € 4.000;
2° Premio: Rossana Cardia (soprano), € 2.000;
3° Premio: Heo Jonghoon (baritono) € 1.000;
Premio Giacomotti: Kim Jihoon (basso) € 1.000;
Premi Bettinelli a quattro soprani: Odenskaja Kseniya, Melitta Lintner, Wu Yue, Fogazza Demetra per un totale di € 1.400.
 
Con le due master class con il M° Di Domenico, offerte dalla Società dell'Accademia a due candidati, il monte premi del Concorso Giacomotti arriva quest'anno a 10.000 Euro, conquistando un posto di rilievo nell'ambito dei Concorsi lirici Internazionali.

Melitta Lintner, soprano

Nata a Szombathely in Ungheria, ha iniziato molto presto gli studi musicali. Si è diplomata in flauto traverso nel 2001, presso l’Istituto Musicale Pareggiato “A. Tonelli” di Carpi (MO) , sotto la guida di prof.ssa Marina Zaniboni. Ha ricevuto anche il premio Veggia per il risultato ottenuto all’esame di diploma di flauto. Si è quindi dedicata allo studio del Canto Lirico, diplomandosi a pieni voti presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma sotto la guida del M° Berardino Di Domenico, con cui continua il tirocinio.. Ha fatto diversi concerti in Italia, da Milano, a Taranto, a Bari in collaborazione con la corale Choralia di Milano. Dal 2003 collabora con il Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena dove insegna e dirige con successo il Coro di Voci Bianche. Intensa l’attività concertistica con programmi che spaziano dalla musica sacra, all’opera, con particolare predilezione per il repertorio di coloratura, all’operetta, al musical.
Vincitrice Premio Bettinelli al Concorso Lirico Giacomotti - Voghera 2010

Rossana Cardia, soprano


All'età di sei anni inizia i primi studi di pianoforte e a quattordici è ammessa nella classe di canto sotto la guida del soprano sassarese Maria Mastino. Ha perfezionato la tecnica vocale a Milano con il celebre tenore M° Pier Miranda Ferraro, il baritono Sherman Lowe, il Soprano Marcella DE OSMA, il soprano sardo Giusy Devinu, il baritono Giorgio Lormi, il contralto Bernardette Manca Di Nissa e il tenore Robleto Merolla. Ha interpretato Lavinia nell'operetta "Oca del Cairo" di W. A. Mozart (modificata da Mortari), Lauretta da "Gianni Schicchi" di G. Puccini, Micaela da "la Carmen" di G. Bizet, Violetta da "La Traviata" di G. Verdi, Leonora da "Il Trovatore" di G. Verdi, Liù dalla "Turandot" di G. Puccini, Mimì da "La Boheme" di G. Puccini, Floria Tosca dalla "Tosca" di G. Puccini, Amelia da “Un Ballo in Maschera” di G. Verdi e il “Requiem” di G. Fauré. Debutta il ruolo di Violetta nei teatri di Fermo, Atri e Pescara con il celebre Baritono Renato Bruson, interprete e regista della Produzione.Ha lavorato con direttori d'orchestra come Vito Clemente, Pierangelo Gelmini, Giuliano Carella, Tamàs Bolberitz, Grigor Palikarov, Giuseppe Montanari, Michele Gennarelli, Luis Baragiola, Sandro Sanna e registi come Michiko Taguchi, Antonello Madau Diaz, Maurizio Marchini e Corinna Boskovski.Ha seguito corsi di perfezionamento con il baritono Marzio Giossi, il mezzosoprano Marylin Schmiege, il tenore Jaume Aragall, il soprano Valeria Esposito e il tenore Paolo Barbacini.Oltre che in diversi teatri italiani, si è esibita in Germania, Austria, Danimarca, Norvegia, Francia, Svizzzera, Inghilterra, Bulgaria.

Sophie Gordeladze, soprano

Nata nel 1983 in Georgia, si è formata presso il Ginnasio musicale Paliashvili di Tbilisi, studiando pianoforte presso il conservatorio Statale di Tbilisi. Dal 2003 al 2007 si è laureata in canto presso lo stesso Conservatorio, vincendo in seguito vari concorsi nazionali, tra cui il 1° premio al Concorso Taktakishvili, il 3° premio al festival di canto Mteni 2000, il 3° premio al Concorso Internazionale Buil-Buil di Baku (Azerbaidjan). Nel maggio 2006 con invito di Irina Arkhipova ha partecipato ai concerti dei vincitori dei concorsi internazionali di Buil-Buil e Glinka, tenutisi presso la sala grande del conservatorio di Mosca. Dal 2006 partecipa alle masterclasses di M. Freni nell’ambito delle quali si è esibita nel concerto finale a Woergl, in Austria. Ha vinto il 3° premio al Concorso Internazionale Bellini di Caltanissetta e il 1° premio al Concorso Internazionale Labo di Piacenza. Ha cantato allo studio operistico del Conservatorio di Tbilisi Norina e attualmente si sta perfezionando con M. Freni presso il Cubec di Vignola.
1° premio concorso Giacomotti Voghera 2010

mercoledì 23 giugno 2010

Leonardo Cocon, tenore

Nato a Firenze, ha iniziato i suoi studi di canto nel 2002 a Firenze con il mezzosoprano Vitalba Mosca. Attualmente, sta proseguendo lo studio a Firenze con il tenore argentino Jorge Ansorena e si sta perfezionando a Venezia con il maestro Sherman Lowe.
Nel 2003 ha partecipato alla prima fase del progetto Opera Studio per la realizzazione dell'Opera A Midsummer Night's Dream di Benjamin Britten, lavorando con il regista Lindsay Kemp e con il direttore Jonathan Webb, presso i teatri di Lucca, Pisa e Livorno.
Nell' ottobre 2005 ha partecipato al 1° Concorso Lirico Internazionale Città di Ravello (SA).
Nel novembre 2005 ha preso parte alla Master Class tenuta dal maestro Sheman Lowe presso l'Accademia della Voce di Torino.
Nel 2006 ha tenuto numerosi concerti nel territorio Toscano.
Nel maggio 2006 ha preso parte ad un concerto presso la Chiesa dell'Arsenale a Venezia esequendo brani dal Requiem di Mozart e dalla Messa Sancti Nicolai di Hayden.
Nel giugno 2006 ha partecipato "all' 8° Concorso lirico nazionale Città di Pistoia" per l'opera Don Giovanni di Mozart.
Nel gennaio 2007 è stato "l'amico" nell'opera La statua di Davide Olivoni (prima assoluta 11 gennaio 07, Teatro Ambra - Poggio a Caiano -PO - **INFO)
Repertorio:
- Don Ottavio (Don Giovanni - W.A. Mozart)
- Nemorino (Elisir d'amore - G. Donizetti)
- Un amico (La statua - D. Olivoni)
Arie d'opera e da camera di Cimarosa, Rossini, Mozart, Donizetti, Verdi, Cilea, Bizet.

martedì 22 giugno 2010

2010_06_24 Audizioni per il Festival di settembre al Coccia

24 Giugno 2010 ore 14
Audizioni Live
"Vivere la Musica Sro 2010" 3° Edizione
 
Si svolgeranno Giovedì 24 Giugno 2010 a partire dalle ore 14 presso la Discoteca Le Village di Carpignano Sesia (No) le Audizioni live per cover ed inediti, nell'ambito della 3° edizione
"Vivere la Musica Sro 2010". Parteciperanno tutti gli artisti che hanno superato la fase preascolti.
I cantanti singoli/duo e band si esibiranno dal vivo in presenza di una commissione artistica, costituita da esperti nell'ambito musicale, tra questi anche Roberto Ventura voce storica di Radio Lombardia. I circa 40 artisti arrivati sin qui, dovranno convincere la commissione con le loro interpretazioni live, per poter accedere di diritto alla Fase successiva " Laboratori creativi ", che saranno tenuti da due esperti del Settore Musicale, Eva Simontacchi Vocal Technique Instructor di madrelingua inglese, e il geniale Luciano Tallarini Art Director di fama internazionale. Ma solo i 9 più meritevoli si aggiudicheranno la Finale del 3 Ottobre sul palco del Teatro Coccia (No) per 4 Borse di studio. L'accompagnamento dei finalisti in gara sarà affidato a 26 musicisti professionisti diretti dal M° Luca Frencia. Buona fortuna a tutti i partecipanti della 3° edizione.
Informazioni presso
Marchica Chico - Organizational collaborator
viverelamusicasro@gmail.com
www.viverelamusica.org

Silvia Felisetti, soprano

Diplomata in canto presso il conservatorio A. Boito di Parma, e laureata in Giurisprudenza, svolge da anni intensa attività concertistica attraverso diversi generi, dalla musica da camera all'opera lirica, dal musical all'operetta.
Proprio nell'operetta è particolarmente apprezzata per la sua versatilità interpretativa che l'ha vista protagonista sui palcoscenici di tutta Italia al fianco di Corrado Abbati, Franco Oppini, Pippo Santonastaso, Lando Buzzanca e Massimo Bagliani. Le recensioni uniformemente sottolineano la grande verve interpretativa e l'ottimo livello di preparazione vocale. Al seguito delle diverse compagnie d'operetta ha partecipato a trasmissioni televisive, quali "Biglietto d'Invito", "Domenica In" e "Tappeto Volante".
Nel 1988 ha vinto il concorso del Teatro Lirico Sperimentale di Alessandria per la regia e da allora si è assiduamente dedicata agli allestimenti e alla direzione artistica di diverse compagnie.
E' autrice e attrice dello spettacolo La soubrette in 10 mosse che propone con crescente successo. Lo scorso luglio è stata protagonista di Vandissimamente Vostra, uno spettacolo del festival Musica Ischia, dove ha interpretato il mito di Wanda Osiris su testi di Antonello Colli.
Nel febbraio 2010 ha preso parte al musical "Concha Bonita" di Nicola Piovani.

Sara Gianfelici, chitarra

Ha iniziato a suonare la chitarra classica all'età di sei anni nella città di Sanremo e ha tenuto il suo primo concerto all'età di dodici anni. Allieva di Ruggero Chiesa nella classe del Conservatorio « G. Verdi » di Milano, fino al 1993, anno della morte del Maestro, si è diplomata brillantemente nel 1994 sotto la guida di Paolo Cherici e ha continuato a perfezionarsi con Lena Kokkaliari. Ha seguito master class con Manuel Barrueco, con Emanuele Segre (Giuliani, Concerto op. 30; Villa-Lobos, Concerto) e Eduardo Fernández (Rodrigo, Concierto de Aranjuez).
Numerose giurie hanno riconosciuto a Sara negli anni prestigiosi meriti (Alessandria: "M. Pittaluga", Roma: "Fernando Sor", Camogli: "Ruggero Chiesa - Città di Camogli"; Sud Africa, Pretoria "Concours Panafricain de Musique et des Arts", Bath International Competition, Inghilterra), tra cui spiccano: nel 1996, Primo Premio al "Mauro Giuliani" di Bari, dove ha suonato in finale con l'orchestra il Concerto op. 30 di Giuliani; nel 1997 a Barcellona, Primo Premio al "María Canáls".
All'estero ha inciso in diretta per la radio catalana (con intervista, 1997) e la radio nazionale spagnola (Festival de Primavera "Andrés Segovia", Madrid 1998) e sono stati favorevolmente accolti suoi concerti presso importanti Istituzioni (Consolato Italiano a Nizza, Istituto Italiano di Cultura di Madrid, Strasburgo, Amsterdam…). In Italia ha ricevuto un riconoscimento ufficiale per l'attività artistica (Encomio della Provincia di Imperia, 1995), si è esibita in importanti Stagioni Concertistiche ed è stata ospite dei festeggiamenti per il novantacinquesimo compleanno di Goffredo Petrassi (Conservatorio "G. Verdi" di Milano, riprese Sat 2000). Sara, che si è anche esibita in diverse formazioni cameristiche (chitarra e quartetto, quintetto, violino-chitarra, chitarra solista e coro), ha fondato con Giorgio Revelli nel 2007 il Duo stabile per clavicembalo e chitarra "Ariel 414".
Apprezzata interprete del repertorio dell'Ottocento (Giuliani, Paganini, Mertz, Tárrega), così come di brani ormai classici del Novecento contemporaneo (Nunc di Petrassi, Tiento di Ohana...) Sara ha recentemente rinnovato il suo interesse per la musica antica per liuto e vihuela (Dowland, Narváez) e per la musica dopo il 1970, che esegue sempre sulla sua Thomas Humphrey (abete) modello "Millennium" del 2005.

Giorgio Revelli, organista

Organista titolare del grande organo Locatelli – Bossi presso la Basilica Santuario del Sacro Cuore in Bussana di Sanremo dal Dicembre 2007.
Cresciuto musicalmente in Francia, ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatoire National de Région de Nice (Francia) nella classe d'Organo di René Saorgin e in clavicembalo con Mireille Podeur presso il Dipartimento di musica antica dello stesso Conservatorio; in pianoforte con Elzbieta Glabowna. 
Dopo i numerosi corsi di perfezionamento sotto l'insegnamento e l'esperienza di Michel Chapuis, Louis Tiry, Jean Boyer, Harald Vogel e Jean Pierre Leguay per l'improvvisazione, apre la sua carriera concertistica in collaborazione con Bernard Lagacé al Festival di St. Maximin per l'esecuzione integrale dell'Arte della Fuga di J. S. Bach. 
Oggi è ospite di prestigiosi Festival ed iniziative musicali in ambito nazionale ed internazionale prevalentemente come solista, ma anche con coro ed orchestra in tutta Europa. Ha collaborato con il Festival de Musique Sacrée de Nice, Festival de l'orgue de Carcassonne, Festival international de l'orgue de Diekirch – Luxembourg, Festival international d'orgue de Saint Augustin a Parigi per citarne alcuni.
Dopo l'annuncio del ritrovamento di alcuni preziosi inediti sacri del compositore ligure Pasquale Anfossi, avvenuti nel 2007, ed il grande interesse della stampa nazionale ed internazionale relativo alla scoperta, tra il 2008 ed il 2009 si sono concretizzate importanti collaborazioni con i cantanti solisti del Teatro dell'Opera di Parma, con i quali Revelli come direttore e clavicembalista ha inciso il primo cd di opere sacre dell'Anfossi, mai realizzato in precedenza. 
Ha curato consulenze di paleografia musicale per l'Archivio di Stato di Imperia e Sanremo sostenute poi da numerose pubblicazioni editoriali. 
Dal marzo 2004 è direttore del coro polifonico "Cantores Bormani" di Imperia Porto Maurizio e dal 2009 collabora come solista e in formazione con l'Orchestra Sinfonica di Sanremo.
Reduce  da lusinghieri  successi  di  pubblico  e critica  per il  concerto del maggio 2009 a Parigi  sull'organo  Cavaillé - Coll  della  chiesa di  Saint Augustin dedicato  alla musica  sinfonica di  Louis Vierne e  vari suoi  contemporanei,  è stato  nuovamente  invitato  per una serie  di concerti  nella  capitale  francese per il 2009 e 2010.  Il  repertorio  dei  suoi concerti  comprende tutti  i  momenti  della  letteratura  musicale,  ma  Revelli è oggi  ospite di  importanti  rassegne  per  l'esecuzione  del repertorio  di musica contemporanea. Nell'aprile  2007 nasce  in collaborazione  con  la  chitarrista  Sara Gianfelici il Duo  "Ariel  414" per chitarra  e  cembalo,  formazione musicale  che  avrà  l'onore di  inaugurare  il primo Festival "I Tesori  nascosti dei Girolamini" a Napoli.

Discografia:


"Composizioni per l'organo della Badia"
Chiesa Monumentale della Badia di Camaiore (Italia) - Anno 2004
Organo: Giorgio Revelli


"Terre della Taggiasca"
Comune di Taggia – MAMO – Regione Liguria – Unione Europea Fondo Sociale – Anno 2006
Pianoforte: Giorgio Revelli


"Organi di Ponente"
Chiesa di San Tommaso in Dolcedo (Italia) – anno 2007
Organo: Giorgio Revelli
Etichetta: Hilary Studio


"Pasquale Anfossi: alcuni inediti sacri"
Chiesa dei S.s. Sebastiano e Fabiano – Taggia (Italia)
Fondazione Carige – Anno 2007
Solisti Teatro dell'Opera di Parma
Coro Cantores Bormani
Direzione, clavicembalo, organo: Giorgio Revelli


lunedì 21 giugno 2010

Jacques Stotzem, chitarra


Nel panorama acustico mondiale di oggi, Jacques Stotzem è uno dei chitarristi fingerstyle con lo stile più diversificato. Nato nel 1959 a Verviers, in Belgio, ha redistrato 11 dischi ed è in testa nella lista degli appassionati del genere. I lettori della prestigiosa rivista tedesta Akustik Gitarre lo hanno accostato a Leo Kottke, Paco De Lucia, Neil Young e Keb' Mo'. E non è stupefacente come sembra. Il suo stile sullo strumento, di altissimo livello, combina al meglio senso melodico e un raro paproccio alla dinamica che parla direttamente all'ascotatore. Jacques, al contrario di molti altri chitarristi di oggi, possiede una profonda conoscenza dell'armonia, cosa evidente dalle sue composizioni. Tutto questo, unito assieme a un perfetto controllo dello strumento e una personalità solare.
Jacques Stotzem si esibisce regolarmente nei pricipali festival Europei e Americani, oltre ad essere spesso invitato in tour in Jappone, Cina e Taiwan. Dal 2006 la Martin Guitar, il celeberrimo marchioamericano, produce la OMC Jacques Stotzem Custom Signature Model su sue specifiche, il sogno di ogni chitarrista, la vera consacrazione di Jacques. Il suo collega Larry Coryell lo descrive così: "Quello che suona è musica pura. E come strumento usa una chitarra, che conosce davvero bene".
Nella seconda parte dello spettacolo Jacques sarà raggiunto sul palco da Géraldine Jonet, una giovane cantante originaria di Liegi. Una voce assolutamente a suo agio con il blues, che si è formata in giovane età con il repertorio di Bonnie Raitt, Melissa Etheridge, Jimi Hendrix e Rory Gallagher. L'incontro con Stotzem nel 2009 è stato fondamentale per la sua carriera. Dall'estate di quell'anno hanno calcato spesso il palco assieme nei principali festival europei. Hanno un progetto assieme, in corso d'opera: arrangiamenti per chitarra acustica e voce di classici rock da Jimi Hendrix a Gary Moore. Un vero 'duo dinamico'.

Roberta di Lorenzo, cantautrice


Musicista eclettica, non ha mai smesso dall'esordio di scrivere canzoni e nell'inverno 2007 ha ottenuto un'audizione con Eugenio Finardi. Con il quale poi ha realizzato il suo primo album, "L'occhio della luna". Cantautrice raffinata e intensa, Roberta Di Lorenzo nasce il 1° giugno 1980 a San Marco in Lamis (FG), ad otto anni inizia lo studio del pianoforte con il maestro Antonio Artese. Compie gli studi classici a Termoli, dove vive fino al '99 quando si trasferisce a Firenze dove approfondisce lo studio della chitarra partecipando a numerose esibizioni live. Nel 2001 si sposta a Torino dove si iscrive al Dams e frequenta il corso di canto al centro jazz. Nello stesso anno lavora per una compagnia di operette, frequenta l'Accademia della voce di Torino e studia nei successivi tre anni canto lirico, sotto la guida del soprano Laura Giorcelli. Negli stessi anni, numerose le esperienze corali e le partecipazioni a musical con la compagnia Hajdee company. Nel 2005 inizia un'intensa collaborazione con il gruppo vocale "L'una e cinque", eccellente quintetto, vincitore di numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali, attivo dal 1995. Attualmente studia tecnica di canto con Marcella Amoruso. Fin da bambina manifesta una naturale propensione alla scrittura, non ha mai smesso di scrivere canzoni e nell'inverno 2007 ottiene un'audizione con Eugenio Finardi con il quale realizza il suo primo album, "L'occhio della luna". http://www.robertadilorenzo.it

sabato 19 giugno 2010

2010_08_09 Corsi perfezionamento a Stazzema (LU)

Inizio: lunedì 9 agosto 2010 alle ore 9.30
Fine: domenica 22 agosto 2010 alle ore 22.30
Luogo: STAZZEMA (LU)
Descrizione
SSPM (SCUOLA SUPERIORE DI PERFEZIONAMENTO MUSICALE)
FERRAGOSTO IN MUSICA (vacanze musicali)
Specialization courses in music 2010
Scuola Superiore di Perfezionamento Musicale
09-22 Agosto 2010
Stazzema – Lucca
Docenti:
Marco Misciagna (Violino ,Viola,Musica da camera/Violin,Viola,Chambermusic)
Roberto Magri (Chitarra/Guitar)
Franca Gambino (Voice/Opera repertoire): Espressività vocale,arte scenica.
Gloria Storti (Tecnica vocale/Vocal technique)
Daniela Novaretto (Pianoforte, Pianoforte a quattro mani, Musica da camera/Piano, Piano with four hands,Chambermusic)
Elena Cucchiara,Lucia Bernabei ( Maestri accompagnatori /Piano Korrepetitor)
Direttore Artistico/Artistic Director: Elena Cucchiara
Per informazioni: info@sspm.it
Tel. +39 347 3160741/+39 377 2812993
Via Tre Luci 29 Pietrasanta (LU) 55045
 
CONCERTI DEI CORSISTI presso laPIEVE S. M. ASSUNTA nei giorni 15-08-2010 e 22-08-2010
Tutti i corsi verranno attivati solo con un numero minimo di 10 allievi
All the courses will be activated only with a least number of 10 students
 

MARCO MISCIAGNA Violino (16/08/2010 - 22/08/2010) Viola, Viola Musica da camera,Chambermusic

ROBERTO MAGRI Chitarra/Guitar (16/08/2010 - 22/08/2010)

FRANCA GAMBINO Canto lirico (09/08/2010 – 14/08/2010) Perfezionamento espressività musicale Canto lirico (Voice-Opera repertoire) (16/08/2010 22/08/2010) Arte scenica GLORIA STORTI Tecnica Vocale (Vocal Technique) (09/08/2010 – 14/08/2010)

DANIELA NOVARETTO Pianoforte, Pianoforte a quattro mani, Musica da camera (09/08/2010 – 14/08/2010) .

Effettivo/Active student (Euro 50,00 * + 180,00 a corso/for each course) Uditore/Listener (Euro 50,00* + 80,00 a corso/for each course) Musica da Camera/Chambermusic (Euro 50,00* + 120,00 a corso/for each course) Prenotazione soggiorno completo (pernottamento e mezza pensione) Si/Yes No/No Euro 30,00 al giorno a persona/ Reservation Hb Euro 30,00 per person per day Camere non singole/there are no single room available.

Roberto Magri, chitarra

Franca Gambino, soprano

Marco Misciagna, violino

Gloria Storti, soprano lirico leggero

Daniela Novaretto, pianoforte

Roberto Magri, chitarra

Si è diplomato in chitarra presso il Conservatorio "N.Paganini" di Genova e si è laureato in Lettere Moderne con una tesi sulla musica per chitarra sola di Heitor Villa-Lobos. Oltre a diversi seminari chitarristici, ha frequentato il Corso Sperimentale di jazz presso il Conservatorio di Alessandria ed il Corso Internazionale di perfezionamento chitarristico presso l'Accademia "L.Perosi" di Biella. Ha partecipato a varie trasmissioni televisive ed ha collaborato con il Teatro Stabile di Torino Ha al suo attivo una incisione discografica per la Fonit-Cetra. Svolge attività concertistica sia come solista che in ensemble, riportando sempre ampi consensi di pubblico e di critica. Personalità artistica molto eclettica, porta avanti da tempo una ricerca approfondita sul ruolo della chitarra nella musica brasiliana.

Franca Gambino, soprano

Formatasi direttamente alla Scuola del "Bel Canto" (allieva di Margherita Carosio , Carla Castellani e Ines Alfani Tellini presso l'Accademia Chigiana di Siena ) negli anni '40 e '50, a studi ultimati entra nella scuderia del mitico "Impresario" milanese Liduino. Al debutto in Rigoletto (1951) seguono tournées europee con Sonnambula, Lucia di Lammermoor , Barbiere di Siviglia e Elisir d'amore. Ritiratasi dalle scene ancora molto giovane per dedicarsi alla famiglia, da allora si è impegnata nell'educazione delle voci secondo la tradizione dell'antico metodo del "bel canto" italiano. L'approfondita conoscenza musicale unita all'uso sapiente della vocalità le hanno consentito di applicarsi a molti generi musicali, come nel caso della serie di Concerti tenuti sul repertorio di Edith Piaf negli anni '90, in collaborazione con lo staff di Gloria Clemente e Pietro Sinigaglia, e nel caso dei numerosi concerti di musiche spagnole in collaborazione con i chitarristi Michele Lamartina e Matteo Cremolini. Collabora da tempo con varie Scuole Musicali in Liguria e in Toscana; da anni segue il Gruppo Musicale per i Dipendenti della Cassa di Risparmio di La Spezia.

Marco Misciagna, violino

Si è diplomato a soli 15 anni in violino presso il Conservatorio " N.Piccinni " di Bari e più tardi in viola, con il massimo dei voti e menzione d'onore. In qualità di miglior allievo del Conservatorio è stato invitato dal Presidente della Repubblica Ciampi al Palazzo del Quirinale a Roma. Considerato uno dei più virtuosi e talenti della sua generazione, ha studiato alla scuola del grande didatta Corrado Romano, seguendone i corsi di alto perfezionamento e con D.Trkulja (ex primo violino del famoso quartetto di Zagabria). Ha frequentato i corsi intermazionali presso l'Accademia Chigiana di Siena con il M° Boris Belkin e con il M° Jury Bashmet, conseguendo i Diplomi d' Onore e vincendo per ben due volte il "Premio Monte dei Paschi di Siena" rispettivamente come miglior violinista e miglior violista dei corsi (prima volta nella storia dell' Accademia). Ha proseguito il perfezionamento con il M° S.Accardo presso l' Accademia Stauffer di Cremona e l' Accademia Chigiana (ottenendo il Diploma di Merito) e con il M° P.Vernikov presso il Festival di Portogruaro e la Scuola di Musica di Fiesole. Nel 1999 si è imposto nella rassegna nazionale " M.Benvenuti " di Vittorio Veneto, ottenendo il primo premio assoluto ed è stato invitato al "Concorso N.Paganini" di Mosca dove ha avuto l'onore, unico italiano, di suonare nelle prestigiose sale del Conservatorio Statale. Giovanissimo ha intrapreso una brillante carriera solistica esibendosi al fianco di varie orchestre nazionali ed estere, riscuotendo ampi consensi di pubblico e critica accreditata, interpretando di A.Vivaldi "Le Quattro Stagioni", di Telemann, Stamitz e Hoffmeister i concerti per viola, di F.Schubert "Rondò in la maggiore D438" ,di W.A.Mozart la Sinfonia Concertante K364 per violino e viola, di N.Paganini il concerto n. 2 "La Campanella" , il "Carnevale di Venezia" e la "Sonata per la Grand' Viola" , di H.Wieniawski il concerto n.1 in fa diesis minore, di Ravel la "Tzigane", di Tchaikowsky il concerto in re maggiore op.35, di Brahms il concerto op.77, di Sarasate "Zigeunerweisen" op. 20, di S.Barber il concerto op.14, di W.Walton il concerto per viola. La sua carriera musicale è improntata ad un inesauribile eclettismo che lo porta a frequentare ed approfondire i campi ed i repertori più vari per violino e viola e la sua attenzione spazia dalla musica antica alla musica classica, romantica e contemporanea. Ha realizzato un CD prodotto dalla casa discografica Dynamic e sponsorizzato dal Lions Club (registrazioni tratte da concerti live di H.Wieniawski -Mazurke- per violino e pianoforte, N.Paganini -Duo Merveille- per violino solo, H.W.Ernst -Variazioni su "The Last Rose in the Summer"- per violino solo), il cui ricavato è stato devoluto in beneficenza per la costruzione di un centro polifunzionale dedicato all'infanzia e ha registrato anche per la Phoenix Classics. Ha suonato in varie formazioni cameristiche come l'Ensemble Meditèrranèe, l'Hipponion Ensemble, Ensemble 2 Agosto, Quatuor Abime, l'Ensemble Oscar Niemeyer, il Trio Torrefranca e con musicisti come Antony Pay, F. Petracchi, M.Caroli, N. Lomeiko, A.Negroni, ecc. registrando inoltre per la casa discografica DAD-Records, in prima registrazione mondiale, il Quintetto op.128 e la Rapsodia op.88 del compositore R.Gervasio. Sue revisioni violinistiche sono state pubblicate per la casa editrice "Berben". Particolarmente interessato alla didattica è stato invitato a tenere una Master Class presso il "Real Conservatorio Superior de Musica Reina Sofia" di Madrid, alla "Royal Irish Academy of Music" di Dublino e all' Università di Santa Barbara in California. Attualmente è professore di violino e viola presso il "Conservatoire Italien" di Parigi e presso il Conservatorio Statale "F.Torrefranca" di Vibo Valentia.

(versione precedente)

Gloria Storti, soprano lirico leggero

Ha studiato con i maestri E. Bassano, L.Bulian, C.Foti e Franca Gambino, elaborando un repertorio prettamente belcantistico. Premiata al Concorso "Puccini" di Torre del Lago, si è esibita in numerosi recitals lirici e come solista in composizioni per soli coro e orchestra di Mozart. Ha partecipato ad "Hansel e Gretel" di Humperdinck, nel ruolo dei due nani (Rugiadoso e Sabbiolino). Ha cantato con l'ORT al Teatro Verdi di Firenze e al Giglio di Lucca, nell'anno 2000. Nello stesso anno, con la regia del maestro ALDO Tarabella e la direzione del maestro Giuseppe Bruno ha sostenuto il ruolo di Micaela nella Carmen di Bizet. L'anno successivo è entrata a far parte del Coro lirico del Teatro Verdi di Pisa e attualmente fa parte della Cappella Musicale "Maberini" della Cattedrale di Sarzana.
 

Daniela Novaretto, pianoforte

Nata a la Spezia nel 1970 ed ha iniziato gli studi di pianoforte prima con la Prof.ssa Gabriella Cecchi ed in seguito al Conservatorio della sua città. Ha poi proseguito gli studi al Conservatorio "G.Verdi" di Milano dove nel 1993 si è diplomata con diploma sperimentale ad indirizzo concertistico, sotto la guida del M° Giovanni Carmassi. Si è poi perfezionata sotto la guida del M°Franco Scala ad Imola, dove a partire dal 1994 ha seguito i seminari tenuti all'Accademia pianistica "Incontri col Maestro" dai M.i: A.Lonquich, L.Lortie, G.Wilson, J.Jasinsky, L.Berman, C.Bogino. Ha inoltre studiato Musica da camera con i M.i: Franco Rossi (Accademia di Sesto Fiorentino nel '96), Pier Narciso Masi (diplomandosi col massimo dei voti all'Accademia di Imola nel '99) e Rocco Filippini (Accademia Stauffer di Cremona nel 2000). Nel 2008 ha conseguito con 110 e lode una laurea di II livello di pianoforte in discipline musicali ad indirizzo solistico presso il Conservatorio "B.Maderna" di Cesena, dove ha iniziato lo studio della Direzione d'Orchestra con il M° Giovanni Bartoli . Studio che prosegue dal 2008 con il M° Piero Bellugi a Firenze. Premiata in svariati concorsi nazionali ed internazionali( "R.Schumann" Domodossola 1986" "J.S.Bach Sestri Levante Genova 1987", " International Music Society of Mantova 1987 "," Concorso di esecuzione musicale Viareggio Lucca 1987" " Concorso Città di Albenga 1988" " Genova 2001 International music competitions"), Daniela Novaretto affianca all'attività solistica un'intensa collaborazione con diversi strumentisti, svolgendo attività concertistica sia in Italia sia all'estero ospite di importanti istituzioni musicali quali: Museo teatrale alla Scala (Milano), Sala "Verdi" (Auditorium della R.A.I. di Milano),Teatro Masini ( Faenza), Teatro Civico (La Spezia), Palazzo Pitti (Firenze), Teatro Guglielmi ( Massa Carrara), Teatro Brancaccio ( Roma), Teatro de Las Americas ( Santiago del Cile), Theatre des Penitents (Ville de Gap, Francia), Auditorio Conservatori Municipal de Musica (Barcelona). Ha spesso collaborato come solista con : L'Orchestra dei " Pomeriggi Musicali" di Milano e l'"Orchestra da Camera di Domodossola". Nel 1995 costituisce con la violoncellista milanese Bianca Fervidi il "Duo Martucci", con l'intento di riscoprire il repertorio italiano tra '800 e '900. Grazie a questo lavoro di ricerca, il Duo Martucci è stato inserito nel progetto "Giovani artisti" del D.G.R.C. del Ministero Affari Esteri, per rappresentare la cultura italiana nel mondo. Nel 1999, il "Duo Martucci" ha vinto il II premio, unico gruppo italiano premiato, alla VII edizione del Concorso Internazionale di Musica da Camera Di Pinerolo (Torino), e alla IV edizione del Concorso di Musica da camera "G. Zinetti" Città di Sanguinetto( Verona). Parallelamente all'attività concertistica, Daniela Novaretto si dedica all'insegnamento da più di un decennio e per alcuni anni ha collaborato come docente di pianoforte e musica da Camera con il M° Pier Narciso Masi in varie Accademie: Belluno, Sesto Fiorentino, Fusignano, Imola. Dopo aver tenuto seminari di perfezionamento in varie sedi italiane quali: Scuola di Musica "Clivis" (Roma) Scuola di Musica " Ensemble XXI" (Milano), " San Rocco" Cella Monte ( Alessandria), William Percy Cohrane di Pugliola (La Spezia), attualmente insegna a Firenze ( Associazione musicale "F.Landini").

Il Demetrio, ensemble strumentale

Formazione musicale pavese costituita recentemente ad opera di Maurizio Schiavo, che trae il proprio nome dal titolo da uno dei più celebri libretti di Metastasio "Il demtrio", utilizzato da Myslivecek per comporre l'opera che nel 1773 inaugurò il Teatro dei Quattro Cavalieri (oggi Teatro Fraschini) di Pavia.

L'ensemble, formato da musicisti specializzati nell'interpretazione della musica sacra, oltre che antica, impiega strumenti originali d'epoca: Stefania Gerra, Mary Riccardi, Francesca Micconi, Giambattista Pianezzola e Claudia Monti (Violini), Marcello Rosa (violoncello), Simonetta Heger e Giuliano Bellorini (clavicembali).

Il Demetrio è guidato da Maurizio Schiavo, che affianca all'attività direttoriale quella di strumentista alla viola e alla viola d'amore.

Anche se spazia dal primo Seicento alla musica contemporanea, l'Ensemble ha nella musica del Sei-Settecento (e italiana in particolare) il cuore del suo repertorio. La preparazione specifica dei suoi componenti, formatisi nelle più prestigiose accademie europee e collaboratori abituali di numerose formazioni italiane e straniere specializzate, si traduce in una lettura rigorosa e filologicamente corretta dei testi, caratterizzata dall'utilizzo delle tecniche esecutive dell’epoca e dall’uso di strumenti originali. 
Tra gli altri lavori riportati alla luce anche alcune pagine sacre ottocentesche: il Tantum ergo  e il Dixit Dominus  di A. Rolla e Tre composizioni per la Settimana Santa  di A.Cagnoni, che fu maestro di cappella presso il duomo di Vigevano dal 1852 al 1879.
Il Demetrio ha rivolto la propria attenzione anche a repertori più recenti, spesso proponendo programmi curiosi e non usuali. E' il caso dei Paesaggi sonori, raccolta di composizioni per film muti del pavese F. Vittadini e della serata Lennon barocco, una rivisitazione in chiave settecentesca di Imagine e di altri hit dell'ex Beatle.
Il primo CD dell'Ensemble, dedicato a Tre mottetti per contralto di J. A. Hasse, è uscito nel novembre 2013 in allegato alla rivista di musica classica Amadeus.
L’Ensemble si esibisce con regolarità nelle principali stagioni concertistiche in Italia e all’estero.


giovedì 17 giugno 2010

Roberto Durkovic & i Fantasisti del Metrò


"Sono rimasto affascinato dalla musica balcanica fin da quando, da ragazzo, accompagnavo mio padre nei locali praghesi e di Bratislava. Ora ho realizzato il sogno di suonare le sue canzoni accompagnato da musicisti tzigani che con talento istintivo e virtuosismi, creano un'atrmosfera gioiosa e danzante".
Roberto Durkovic è nato a Pavia, ma con sangue praghese. Alla luce di ciò, e degli eventi futuri, si può ben dire che il suo originale progetto artistico l'avesse già impresso nel dna al momento della nascita.
Roberto studia musica classica al Civico Istituto Vittadini di Pavia. Ben presto è affascinato dalla musica leggera, e inizia una dura gavetta nei locali della Lombardia, in particolare di quel circuito milanese che fa capo ai Navigli.
Le sue radici mitteleuropee, lo inducono a interessarsi alle sonorità dell'Est, ed a quel repertorio tzigano che diventerà in seguito la sua principale peculiarità.
Dopo i primi incerti approcci alla discografia, arriva finalmente nel 1989 l'occasione giusta per il primo disco "Come un treno locale", pubblicato dalla SAAR, che contiene già i germi di una lirica introspettiva sostenuta da melodie di grande intensità e in particolare il brano "Piccola Irene", prontamente segnalato al premio della Critica di "Sanremo Nuovi Talenti".
Da una parte il cantautorato italiano, dall'altra la musica tzigana. Uno con la poesia, gli ideali, e la classe dei suoi grandi maestri. L'altra, romantica, virtuosa, sfrenata, sempre solcata da una piccola vena di malinconia. Questo è Roberto Durkovic, e la sua storia musicale - legata da anni ad un nome quanto mai evocativo, I "fantasisti del metrò" - testimonia la ricchezza del progetto.
Metropolitana di Milano, una mattina grigia come tante. La storia da parte lì, nei vagoni fatti di sentimenti anonimi, sguardi abitudinari, di povertà, e di incontri fortuiti che possono cambiarti la vita in un attimo. Roberto, studi di musica classica, una passione per la musica etnica e il cantautorato, ed in più tre album e una lunga gavetta nei locali dei navigli milanesi, una mattina qualsiasi li incontra. Loro sono un clarinettista, un fisarmonicista, un chitarrista rumeni. Roberto li insegue tutto il giorno, li conosce, ascolta le loro storie di orgoglio e povertà.
Parte da lì un progetto sognatore ed ambizioso quanto basta. Dall'uscita di Indaco e sabbia (2003, Storie di note) la critica si accorge di lui, e lo segnala quale autore tra i più meritevoli, con un interessante progetto musicale sound etnico legato alle sonorità slave tzigane fino alla coralità balcanica. Questa singolare ricerca musicale si fonde così in modo mirabile con la tradizione cantautorale italiana.
Il 1 aprile 2004 Durkovic e i suoi fantasisti si esibiscono in Piazza S. Pietro, alla presenza di Papa Giovanni Paolo II, nell'ambito dell'incontro con i giovani voluto per il terzo anno dal Vicariato di Roma. La manifestazione viene trasmessa in diretta da RaiUno: un appuntamento di grande prestigio e di elevati contenuti, che vede Durkovic al fianco di alcuni fra i grandi nomi della canzone, da Ron, ad Alice, Fausto Leali, e altri. Per l'occasione viene presentato un brano inedito, Il Mago dei Colori: inno alla fratellanza e la tolleranza tra i popoli e le religioni.
L'avventura musicale con i Fantasisti del Metrò prosegue qualche anno più tardi, a dicembre del 2005, con l'uscita di "Semplicemente vita", abum ricco ed intenso, presentato in anteprima al MEI, Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza.
Nel 2007, infine, con lo spettacolo in musica, video ed immagini "La bella strada", Roberto e i fantasisti decidono finalmente di raccontare la storia vera del loro incontro. Ne La Bella Strada i protagonisti/attori si raccontano anche attraverso contributi video (prodotti appositamente dallo studio STALKER VIDEO).

martedì 15 giugno 2010

Pekka Kuusisto, violino


Il violinista finlandese Pekka Kuusisto è tra i più versatili e significativi musicisti in attività oggi. Dimostrando sempre una straordinaria individualità e forza immaginativa, è riconosciuto per il suo approccio non usuale per libertà e fluidità e per la sua spontaneità e freschezza uniche nel suonare.
Nel 1995, Pekka Kuusisto è stato il primo violinista finlandese a vincere il celebre Sibelius Violin International Competition.
Nel settembre 2006 è diventato Artist in Residence della Tapiola Sinfonietta, incarico che ha assunto insieme al pianista Olli Mustonen ed al direttore Stefan Asbury.
Ha più volte guidato con il suo violino ensemble e orchestre da camera, ed ha eccelso in questo ruolo con la London Chamber Orchestra, la Scottish, la Irish Chamber Orchestra e la Britten Sinfonia, dalle quali ha ricevuto ripetuti inviti. Recentemente ha guidato la Chamber Orchestra of Europe in un tour europeo, la Australian Chamber Orchestra e ha debuttato con la Zurich Chamber Orchestra.
Come violinista solista, Pekka Kuusisto continua a lavorare con le migliori orchestre e direttori del mondo, cimentandosi in affascinanti repertori di musica contemporanea ma anche riscoprendo e rinnovando, con la sua freschezza interpretativa, le opere fondamentali del repertorio. Tra le prime più importanti dell'ultima stagione ricordiamo i compositori Peteris Vasks e Magnus Lindberg, i cui concerti Pekka ha eseguito rispettivamente con la Saint Paul Chamber Orchestra ed alla Music House di Porto.
Recentemente ha intrapreso un recital tour con il pianista Simon Crawford-Phillips, col quale è stato impegnato nei mesi scorsi anche in un recital per la BBC Scotland. Pekka è stato da poco invitato da Steven Isserlis per un concerto di musica da camera alla Wigmore Hall, dove si è esibito insieme a Martin Fröst. È stato inoltre impegnato in un recital tour in Giappone per la Musashino Foundation insieme al fisarmonicista finlandese Janne Rättyä.
In passato ha lavorato anche in ambito extra-classico, con il gruppo finlandese di musica jazz elettronica Rinneradio e con il duo acustico norvegese Fe-Mail (composto da corno francese e voce) eseguendo musica elettronica basata sull'improvvisazione con live sampling. I progetti più particolari dell'ultima stagione hanno incluso la pubblicazione del primo CD Kraft in duo con la fisarmonica di Johanna Juhola, ed il lancio di Tanabata, un progetto con la musicista di kantele Eva Alkula ed l'artista Merja Nieminen che registra una fiaba giapponese con gli strumenti tradizionali finlandesi. Anche per questa stagione ha collaborato con il giovane multi percussionista austriaco Martin Grubinger, col quale si è esibito al Mozarteum di Salisburgo, alla Gewandhaus di Lipsia e al Kampnagel di Amburgo. Nella stagione precedente si era esibito al Lincoln Center di New York, in una originale combinazione tra la Partita in Re minore di Bach e improvvisazioni elettroniche su melodie corali.
Ogni estate Pekka Kuusisto organizza il Lake Tuusula Chamber Music Festival in Finlandia, del quale è direttore artistico. Nel 2008 il festival ha accolto artisti importanti come il mezzosoprano Anne-Sofie von Otter e il pianista Bengt Forsberg, ed è stato anche il palcoscenico per la première del progetto Tanabata e dell'installazione Reddress dell'artista coreana Aamu Song. Pekka ha inoltre introdotto proiezioni di cinema accompagnato da musica dal vivo e installazioni di sound-sensitive video art, ed ha presentato concerti di musica da camera attraverso tutti i secoli della storia della musica.
Le ultime incisioni pubblicate da Kuusisto sono stati due dischi molto apprezzati dei lavori di Sibelius, di cui Pekka è uno dei massimi interpreti viventi: il primo contiene i lavori per violino e pianoforte registrati dal violinista nella casa del compositore con il pianista Heini Kärkkäinen; il secondo, i capolavori per violino e orchestra con la Tapiola Sinfonietta. Pekka ha infine partecipato alla registrazione di un documentario in quattro DVD sulle Quattro Stagioni di Vivaldi, in cui presenta l' Inverno, filmato nei paesaggi innevati della Lapponia. L'ultimo progetto discografico è la registrazione insieme al chitarrista Ismo Eskelinen, per l'etichetta Ondine, delle musiche per violino e chitarra di Niccolò Paganini.
Pekka Kuusisto suona un violino Giovanni Battista Guadagnini del 1752 gentilmente donato dalla Finnish Cultural Foundation.(nella foto al centro con Mario Mainino)

Ciro Longobardi, pianista

Si dedica da più di quindici anni allo studio ed alla diffusione del repertorio e dei linguaggi musicali moderni e contemporanei. Animato da grande curiosità per tutte le possibilità offerte dal fare musica, è attivo sia come solista che come camerista, oltre che in progetti multimediali, di teatro musicale e d'improvvisazione. 
Longobardi compie gli studi pianistici con Carlo Alessandro Lapegna, perfezionandosi in seguito, come borsista CEE, presso la Scuola APM di Saluzzo, dove studia pianoforte con Alexander Lonquich e musica da camera con Franco Gulli, Maurice Bourgue e Franco Rossi. Parallelamente consegue la maturità classica, frequenta la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università Federico II di Napoli e si dedica a studi di analisi musicale da autodidatta. Tra il 1994 ed il 1996 segue le masterclasses tenute da Bernhard Wambach a Darmstadt ed a Parma. 
Le sue prime affermazioni risalgono al 1994, quando si classifica finalista e miglior pianista presso l'International Gaudeamus Interpreters Competition 1994 di Rotterdam, e vince il Kranichsteiner Musikpreis nell'ambito del 37° Ferienkurse für Neue Musik di Darmstadt, riconoscimento attribuito in precedenza solo a Bruno Canino tra i pianisti italiani. 
Da allora ha suonato per numerose istituzioni, tra cui Amici della Musica di Trapani e di Modena, Festival Time Zones di Bari, Festival Spaziomusica di Cagliari, Festival Traiettorie di Parma (Teatro Farnese), Festival Milano Musica, Festival Internazionale di Ravello, Ravenna Festival, Associazione Scarlatti e Centro di Musica Antica 'Pietà dei Turchini' di Napoli, Rai Nuova Musica di Torino, Giovine Orchestra Genovese, Festival Pontino, Nuova Consonanza ed Istituzione Universitaria dei Concerti Roma, Rassegna di Nuova Musica Macerata, Accademia Filarmonica Romana, Saarländischer Rundfunk Saarbrücken, Ferienkurse Darmstadt, Festival Synthése Bourges, Festival Manca Nizza, Fondazione Gaudeamus di Amsterdam (Muziekgebouw), Peter B. Lewis Theatre (Guggenheim Museum) New York, Festival di Salisburgo, in qualità di solista, di camerista e di membro di Dissonanzen (Napoli) e di Algoritmo (Roma). 
L'attività con l'Ensemble Dissonanzen, caratterizzata dalla grande varietà di produzioni - dal repertorio all'improvvisazione ai progetti multimediali – gli ha permesso di lavorare con alcune tra le più interessanti personalità della musica contemporanea, quali il duo Markus Stockhausen/Tara Bouman, Michel Godard, Cristina Zavalloni, Jim Pugliese, Stefano Scodanibbio, Marc Ribot, Alvin Curran, oltre che con molti tra i più dotati musicisti di area partenopea ed italiana. Ugualmente importanti sono state le esperienze, maturate sempre nello stesso ambito, di incontro tra musica ed immagine, confluite in una serie di sonorizzazioni dal vivo di film dell'epoca del muto (tra cui pellicole d'importanza capitale come i cortometraggi di Man Ray e Das Kabinet des Doktor Caligari di Robert Wiene), e nella presentazione, nel 2006, della nuova sonorizzazione del film Assunta Spina (1915) presso gli Anthology Film Archives di New York e presso il Festival del Cinema Italiano di Annecy. Tutto ciò senza trascurare il repertorio storico del '900, con omaggi ad autori quali Messiaen, Cage, Dallapiccola, Petrassi, Castiglioni, Henze.
Da setttembre 2005 Longobardi ha anche avviato una proficua collaborazione con l' Ensemble Algoritmo di Roma diretto da Marco Angius, in concerti realizzati ad Amsterdam, Modena, Cracovia, Sermoneta, Parma, Roma, Venezia, Tallinn, Macerata. Algoritmo è un ensemble specializzato nell'esecuzione di partiture strutturaliste, storiche e recenti, caratterizzate da grande complessità e virtuosismo: nel repertorio del gruppo figurano, tra gli altri, lavori di Berio, Boulez, Clementi, Fedele, Lombardi, Mosca, de Pablo, Razzi, Sani, Sciarrino, Stockhausen, Traversa.
Grazie al suo interesse per tutti gli aspetti del fare musica insieme ha collezionato numerose esperienze in qualità di pianista/tastierista d'orchestra. In tale ambito si segnala la collaborazione con l'Orchestra Sinfonica del Teatro di S.Carlo di Napoli, in opere di Strauss, Respighi, Henze, e nella realizzazione del Coro di Morti, per coro maschile, tre pianoforti, ottoni, contrabbassi e percussioni, di Goffredo Petrassi (dir. Pascal Rophé) in occasione del centenario della nascita. Di rilievo anche la recente collaborazione con l'Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI di Torino in brani sinfonici di Battistelli, Di Bari, Fedele, Francesconi, Lachenmann, Pousseur,  e con solisti della medesima Orchestra (dir. Marco Angius) in complesse partiture cameristiche di Karlheinz Stockhausen (RAI Nuova Musica 2006, Kreuzspiel, Kontrapunkte).
Da sempre interessato non solo al repertorio di punta ma anche alle musiche ed agli autori nuovi, poco eseguiti o ingiustamente trascurati, ha curato prime esecuzioni italiane di opere di Charles E. Ives (Emerson Concerto, Milano, Sala Verdi, 2000), Galina Ustvolskaja (integrale delle opere per pianoforte solo, CIMS Palermo, 1996), György Kurtág (Jatekok VI, Roma 1995). Ha collaborato, tra gli altri, con compositori quali Giorgio Battistelli, Agostino Di Scipio, Luca Lombardi, Claudio Lugo, Giacomo Manzoni, Alessandro Melchiorre, Luca Mosca, Fausto Razzi, Marco Stroppa, Nicola Sani, Martino Traversa. Attento anche alla promozione dei giovani compositori, ha eseguito, tra gli altri, brani solistici di Alessandra Bellino, Luigi Esposito, Filippo Perocco, Claudio Rastelli, Alessandra Ravera, Giancarlo Turaccio.
Particolare menzione merita la recente collaborazione con Salvatore Sciarrino: con la direzione sonora del Maestro siciliano Longobardi ha pubblicato per Stradivarius il CD SCIARRINO/RAVEL - NUIT, comprendente i Quattro Notturni, i Due Notturni Crudeli e De la Nuit, accostati a Gaspard de la Nuit di Ravel. Altra importante collaborazione è quella con Ivan Fedele, di cui Longobardi esegue l'integrale dell'opera pianistica: è attualmente in corso la registrazione per pubblicazione in DVD e per la trasmissione in streaming su Limen Web TV.
Nel gennaio del 2001, nel Foyer del Teatro di S.Carlo di Napoli, Longobardi ha eseguito il Formant 2 dalla Terza Sonata per pianoforte di Pierre Boulez alla presenza dell'autore. 
Ha inciso per Stradivarius, Mode, RAI Trade, Tactus, Niccolò, Graffiti Records. Per Limen Classic & contemporary ha pubblicato il primo volume delle opere pianistiche complete di Charles Ives, disco entusiasticamente recensito dalla critica specializzata. Altre sue esecuzioni sono state registrate e trasmesse da RAI-Radiotre, Dutch Radio, Hessischer Rundfunk, Saarländischer Rundfunk, Croatian Radio, Austrian Radio. 
L'attività di Ciro Longobardi è stata presentata o recensita da Amadeus, La Repubblica, Il Manifesto, Alias/Il Manifesto, Lo Specchio della Stampa, Le Monde de la Musique, La Gazzetta di Parma, Suonare News, Muscweb International, Musical Pointers, Il Giornale della Musica, Il Mattino, Roma. 
Tra il 1991 ed il 1994 si classifica tra i vincitori di tre concorsi ordinari per titoli ed esami a cattedre nei conservatori di musica. Attualmente insegna presso il Conservatorio G. Martucci di Salerno.

lunedì 14 giugno 2010

Quartetto Kletz - Quartetto K


Quartetto K (ultima denominazione
Stefano Martini al violino
Matteo Salerno al flauto
Egidio Collini alla chitarra
Francesco Giampaoli al contrabbasso


Studi ed esperienze musicali differenti si fondono per creare un nuovo linguaggio a cui il Quartetto Klez da vita rielaborando secondo il proprio stile le più belle melodie provenienti da tutto il mondo con una certa predilezione per la musica dell'Europa Centrale. Di varia natura e genere sono i progetti a cui il quartetto lavora e tra questi ne rientrano anche alcuni che comprendono altri linguaggi artistici come la danza popolare e il teatro. Tra i programmi più amati rientra quello dedicato alla musica dei paesi della mitteleuropa che dai tempi più remoti ci ha tramandato un repertorio musicale di grande fascino e straordinaria bellezza e da cui i più grandi compositori del passato hanno immancabilmente tratto ispirazione per alcune delle loro composizioni più belle; si tratta della culla della musica klezmer e di tutti quei generi musicali che nascono dalla fusione musicale tra oriente e occidente.
Il quartetto ama proporre anche programmi dedicati alla musica Gypsy e Manouche con le composizioni dei grandi interpreti del secolo scorso come Django Reinhardt e Stéphane Grappelli ma con una profonda attenzione anche ai moderni interpreti come lo strepitoso violinista tzigano Roby Lakatos o il chitarrista Bireli Lagrene. Interessante anche il progetto con cui si può notare come, anche il mondo del musical e del cinema, ha tratto ispirazione da questo straordinario repertorio musicale; è il caso delle pellicole di Emir Kousturica  ma anche del più datato "Violinista sul Tetto" o il recente Yentel. Il quartetto infine dedica un occhio di riguardo alla musica klezmer degli antichi musicisti girovaghi, a cui peraltro dedica il proprio nome; si tratta di una vera ammirazione per questi musicisti del passato che hanno saputo integrarsi con le differenti culture incontrate e creare così nuove musiche figlie di culture diverse.
Il quartetto si è  esibito per festival e rassegne di musica popolare in tutta Italia riscuotendo ovunque un caloroso successo; tra le recenti esibizioni ricordiamo la partecipazione al Klezmer and Gypsy Music Festival "Vincoli Sonori" di Pinerolo (TO), al Festival Klezmer Internazionale di Ancona, al Festival Internazionale di Mezza Estate di Tagliacozzo (AQ), all'Emilia Romagna Festival, al Festival Ultrapadum di Pavia, al Festival di Musica e Cultura Popolare di Rovigo, al Festival Internazionale "Nei Suoni dei Luoghi", al Festival "Lungo le Antiche Sponde", al Festival "Scenario Montagna", alla rassegna musicale "Effetto Venezia" di Livorno, alla rassegna "Musica e Immagini" di Imperia, alla rassegna "Borgo Sonoro" di Cesena, alla rassegna Musica Musica di Mercatello sul Metauro,  alla rassegna "Museo e Concerti" per l'Associazione Musicale Romana, alla rassegna "Classica e Lirica tra i Navigli" per gli Amici della Musica di Milano, alla rassegna "Echi Musicali", al Festival Internazionale di Musica da Camera di Grosseto, alla Stagione Concertistica "Accademie in Valle Pesio" in provincia di Cuneo, alla Rassegna "Classica in Biblioteca" a Follonica, al primo  Festival Klezmer di Bologna presso la Cantina Bentivoglio, alla rassegna Musica in Darsena di Savona, alla manifestazione internazionale per il Festival "Erev/Laila" di Trieste "Stazione Topolò-Postaja Topolove" alla rassegna "I Luoghi della Musica" di La Spezia, al Festival di Perinaldo oltre ai concerti per  prestigiose università tra cui la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e l'università dell'Insubria di Varese. Recentemente il quartetto ha preso parte al progetto Europeo Oralitis esibendosi a Malta con un programma incentrato sulla musica tradizionale italiane. Il quartetto sarà ospite nella stagione autunnale a Teramo, Parma, Bologna, Trento e per la stagione del Teatro Coccia di Novara.